accedi   |   crea nuovo account

La ricerca

Sono le due dì notte e continua a cercare qualcosa nella sua stanza. Senza sosta, continua a scrutare ogni angolo della stanza, in cerca di quel qualcosa. L'orologio prosegue con il logorroico ticchettio. Gli sembra di impazzire. Basta, la ricerca non sarà portata a termine, non lì per lo meno.
Adirato prende pantaloni, scarpe e sigarette messe da parte un paio d'ore prima e scappa di casa facendo attenzione a non fare il minimo scricchiolio, per paura di svegliare i genitori.
Inizia a camminare con in contro il fresco vento notturno convinto di andare nella direzione dove avrebbe potuto porre fine alla ricerca precedente iniziata.
Sì siede sul gelido marmo delle panchine in piazza e aspetta. Estrae filtrino, cartina, pueblo e (poco dopo) accendino e inizia a mixare, nei suoi polmoni, quella calma aria gelida al sapore del fumo.
I lampioni iniziano a porgli domande e lui a rispondere con carta e penna.
Frase, a capo, virgola, punto.
Ormai sono quasi le quattro. Prende tutto quanto e torna a casa soddisfatto.
Finalmente l'ha trovato.

 

2
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • silvia leuzzi il 18/09/2013 22:13
    Ma sai che è proprio carina questa masticata di parole, incalzanti e prepotenti che ci rappresentano a tutti noi... sempre in perenne ricerca di emozioni, di parole. Ma sono poche sensazioni importanti che rimettono in moto l'ispirazione: - Frase, a capo, virgola, punto. - Ti chiedo scusa se queste mie elucubrazioni non fossero di tuo gradimento. Un saluto a rileggerci Silvia

1 commenti:

  • stella luce il 20/09/2013 21:24
    non è forse sempre così la nostra ricerca??? un parlare ed un annotare ciò che vorremmo trovare... particolare

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0