PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Nojo vulevan savuar

Come si arrivava all'indirizzo giusto in una città che non conoscevamo, senza il navigatore?
C'erano le cartine stradali che venivano in passato regalate quando compravi la macchina nuova.
C'erano, su quelle, molte città italiane; però se la via era via Garibaldi o corso Italia te la potevi cavare ma se cercavi via Aristide Nardini Despotti Mospignotti non avevi scampo!
Dovevi, per forza, entrare in contatto con l'ostile popolazione locale, nella quale abbondavano i buontemponi.
Bisognava assicurarsi che l'interlocutore fosse in buona fede e del posto, sennò era tutto inutile!
"Scusi lei è del posto? Mi sa dire via Aristide..." e bisognava sperare che la spiegazione fosse in un italiano comprensibile, e, per sicurezza chiedere a più di uno etc..
Poi tutto era utile, ma se si chiedeva una informazione connotata politicamente, si rischiava.
A Livorno, ad un americano che chiedeva dove fosse Camp Darby, un vecchio comunista rispose:
"Prendi L'uno!"
Intendendo l'autobus numero 1 che anche oggi porta verso sud, esattamente dalla parte opposta della città rispetto a Camp Darby!
USA go home... o ad Antignano!

 

l'autore Glauco Ballantini ha riportato queste note sull'opera

Camp Darby è una base americana a nord di Livorno, Antignano è un paese a sud della città labronica.


2
3 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Giulia Aurora il 19/10/2013 01:32
    certo questo affidarci alla tecnologia fa perderci spesso soprattutto se non c'è campo molto ironica
  • stella luce il 12/10/2013 07:36
    Divertente riflessione... in questo caso ben venga la tecnologia... certo il titolo riporta ad un vecchio film di Totò divertentissimo... buona giornata

3 commenti:

  • Ugo Mastrogiovanni il 23/10/2013 11:42
    Molto simpatico e realistico, mi sembra di essere l'interlocuto del racconto.
  • Glauco Ballantini il 12/10/2013 20:53
    Il titolo, come ha detto Stella Luce, è l'inizio del dialogo tra Totò ed il vigile milanese in "Totò Peppino e la malafemmina"
  • Eugenia Toschi il 12/10/2013 09:52
    Una dolce e divertente riflessione. Grazie per avermi strappato un sorriso... felice giornata.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0