PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La filosofia della vita in versi

La vita non va presa con filosofia ma va intesa con la filosofia (F. A. Maiello) e, per la stretta relazione tra filosofia e medicina (Aristotele), i primi ad impararla devono essere proprio i medici per acquisire l'anima... altro che chiacchiere!

La filosofia, amore della sapienza, lungi dalla complessità e dall'irrazionalità di Hegel (tutto ciò che è reale è razionale e tutto ciò che è razionale è reale), secondo il monito di Aristotele (verum scire est scire per causas) ci riporta all'amore (Platone) tra le braccia del Creatore dopo aver preso coscienza di noi stessi (gnothi sautòn/Socrate) attraverso la corretta conoscenza (cogito, ragione, intelletto, sapienza e contemplazione/Maiello).

Se un tempo era necessario sopravvivere (primum vivere deinde philosophari/Aristotele) adesso è tempo di saper vivere (primum philosophari per saper vivere/Maiello) e l'uomo, mirabile miscela spirito-materia, nella sua continua evoluzione psico-fisica (il panta rei di Eraclito), evolverà la sua materia grigia cerebrale (sistema nervoso) nella luce del sistema spirituale dalla cellula primordiale (pensiero, amore e coscienza) del suo Creatore, laddove Bene (etica) e Bello (estetica), valori universali (antica kalokagathia) della vita, confluiscono nella luce dell'Amore (i colori dell'anima... il rosso dell'amore, il bianco del candore e il giallo dello splendore), il motore della vita.

L'uomo, depositario della conoscenza grazie alla coscienza, in ultima analisi, rappresenta la frontiera vitale tra mondo visibile (materia) ed invisibile (spirito).
E pertanto in riferimento al corpo (la forma della materia), prigioniero dello spazio (il vuoto della materia) e del tempo (l'età della materia), è espressione del finito e, quindi, mortale, mentre in riferimento all'anima (il fantasma della materia), entità spirituale libera da vincoli spaziali e temporali, è espressione dell'infinito e, quindi, immortale.

L'Assoluto, Luce dell'universo, un bel dì progettò che la polvere diventasse luce (gli soffiò nelle narici un alito vitale e l'uomo divenne un'anima vivente): "Dal buio alla luce"...

Ben 5 miliardi di anni fa
o 50 milioni di secoli addietro
che fan 5 milioni di millenni,
con lo scoppio del big bang,
nebulosa vagante
nel vuoto abissale,
suonò il gong temporale
e venne alla luce
l'universo spaziale
nel suo ristretto ambito materiale.

1234567

2
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 24/10/2013 08:39
    Plaudo il sublime, primo periodo, pregno di rettitudine. Oggi, continuerò a scorrere l'intiero saggio-poesia che non mancherà di mirabili passi.

3 commenti:

  • Francesco Andrea Maiello il 24/10/2013 15:50
    Caro Michele e Vincenzo, tutto il discorso è rivolto a gente che pensa (o meglio non crede!)che la vita sia un caso... un casino lo diventa se non ci diamo da fare almeno con le scritture!
  • Vincenzo Capitanucci il 24/10/2013 14:17
    al posto del bianco candore... avrei messo il blu del cielo... per completare i tre colori primari... cosi vidi l'ombra di un taxi giallo... in viola...(rosso e blu ).. Borges...
  • Vincenzo Capitanucci il 24/10/2013 13:15
    Sat-chit-ananda... essere-coscienza-beatitudine... la vita si originò da un bagno-Maria... se l'atomo d'idrogeno... si combinò formando una lunga catena sempre più complessa e pesante... l'atomo di Carbonio donò la mappatura... basta leggere con attenzione le sue forme allotropiche... per capire il mistero della vita... dal diamante al nano-tubo...(visione comatosa )...è gran tempo di tornare all'ora H...

    quante cose ci sarebbero da dire... e da rileggere con cura...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0