PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La Rossa Foglia

Non ho particolare confidenza con gli animali, non è che non mi piacciono, anzi adoro il mondo animale in tutte le sue specie, ma dei cani ho una certa diffidenza al punto che cambio marciapiede quando me li trovo davanti, piccoli o grandi che siano mi mettono sempre a disagio e non importa che siano saldamente tenuti al guinzaglio dai loro padroni, preferisco starmene alla larga.
Penso che questa mia piccola fobia dipenda da un episodio del passato, da quando fui morsa alla gamba da un grosso, cosi' mi appariva, pastore tedesco, mentre ero intenta a raccogliere una Rossa foglia di quercia nell'autunno di molti anni fa.
Fortunatamente il morso fu leggero e non procuro' ferite di rilievo, ma ricordo ancora perfettamente il contatto dei denti appuntiti sulla pelle e le strilla di pianto che seguirono.
Questi pensieri ritornano ogni volta che faccio visita al mio piccolo paese di provincia dove sono nata, ripercorrendo la strada che conduce al grande albero dalle foglie rosse che si innalza maestoso davanti alla piccola casetta con le persiane a forma di cuore.
Ci passavo sempre al ritorno da scuola e mi piaceva soffermarmi a guardare con meraviglia, quella fiabesca casetta bianca, col tetto spiovente che scendeva cosi' in basso che quasi si potevano toccare le grondaie color verderame.
Mi piacevano i colorati fiori che adornavano i davanzali e non capivo perché la piccola fontana in pietra scura posta nell'angolo fosse priva dell'acqua.
I sassi bianchi coprivano il viale di ingresso e un vialetto in terra battuta conduceva nel centro di un piccolo giardino dove erano posizionati sette colorati Nanetti, facilmente visibili dalla recinzione, che sempre attiravano la mia attenzione.
Quando poi il vento soffiava, alzavo lo sguardo sino al culmine del tetto per vedere il galletto segnavento indicarne la direzione. Tutto questo avveniva sotto lo sguardo di mia madre che dal fondo della strada, mi guardava severamente.
Quel breve viale rettilineo che da casa conduceva alla scuola era il mio Mondo, che vivevo al di fuori del cortile famigliare, conoscevo ogni buca, ogni arbusto e sapevo chi abitava in ogni casa che si affacciava sulla strada, ma fra tutte le case con bellissimi giardini elegantemente rifiniti io preferivo quella casetta bianca.
Ci abitava pero' un omone dai capelli lunghi di cui avevo un certo timore, non capivo come potesse vivere in quella piccola e delicata casa. E'come se un elefante avesse come ricovero un capanna di legno e carta.
Alto e pesante aveva la barba lunghissima, camminava a fatica trascinando il suo peso e spesso si aiutava appoggiandosi ad uno strano carrello costruito con pezzi recuperati, dove riponeva le sue stravaganti cose, cartoni per trasportare la spesa, pezzi di legno recuperati chissà dove, una scopa con tanto di paletta, ero attratta da quello stravagante signore ma nello stesso tempo ne ero intimorita
Non so se era cattivo, di certo mi ignorava, come se dall'alto del suo sguardo vedesse solo l'orizzonte davanti a se, evitando tutto ciò che stava più in basso.
Ho sempre pensato che non usasse il telefono per comunicare ma la sua potente voce, chiamando la persona interessata direttamente dalla finestra, ma non sentivo mai una risposta.

12

1
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Raffaele Arena il 03/11/2013 23:36
    Davvero un bel leggere. Uno stile efficace e sentito, descrizione di un passato vivido come una fotografia ingiallita e un presente, una fotografia scattata ora, con, in movimento, "una Rossa foglia di quercia si stacca per venire a posarsi ai miei piedi". Piaciuta.
  • LIAN99 il 02/11/2013 20:47
    Bella, intensa, romantica e nostalgica narrazione; tenera di una tenerezza che solo i ricordi dell'infanzia sanno suscitare. Molto gradevole la lettura, anche grazie ad uno stile essenziale, pulito ed incisivo. Qualche piccola imprecisione formale, non sminuisce il fascino di questo bel racconto.

1 commenti:

  • Ellebi il 03/11/2013 01:32
    Brano ben congegnato e piacevole a leggersi, brava. Saluti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0