PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Amici miei

Il mio più grande amico Enrico e morto da poco, dopo il suo lungo viaggio in India, ha preso la peste dalla pasta al pesto dell'ultimo pasto, ma ora è a posto, gli hanno amputato un braccio, ma per problematiche di lingua hanno tagliato quello sano, poi la lingua.
Ma non è morto per la malattia, è finito sotto ad una macchina, stava attraversando la strada strisciando, fuori dalle strisce, con il semaforo verde su un tramonto rosso, sangue.
La mia amica Renza invece è viva gestisce un vivaio di piante morenti nei pressi del parcheggio di un cimitero, e come hobby alleva dei pesce topo per un laboratorio di ricerca crio genetica per il ripopolamento di un laghetto di pesce gatto.
Tony invece è stabile, ascensionista dell'ascesa di ascensori in stallo, assistente dell'elevazione meccanica, sempre terra terra con il modo di essere al di sopra ad ogni individuo, simpatico quando capita antipatico quando non capita, ma capita spesso che capisca quello che ti possa capitare.
Non parlo mai di Frank, perché è sordo muto, quindi va bene così.
La Carla, gran donna di periferia, centro perfetto di ciccia informe, nei suoi immensi stati emotivi è ancora vergine, dopo aver inutilmente fatto un corso di astrologia, per conoscere il santone di turno. La conobbi alle scuole medie, lei era nella classe XXL, ripetente, per la sua balbuzie, mi fece l'oroscopo scopando sulla cattedra, dall'ora seguo ogni giorno gli eventi degli astri del mio segno zodiacale.
Lino, è un amico appena arrivato, quindi lo conosco poco e non posso raccontare gran che di lui.
Chiara, la piccola della compagnia, non ha doti particolari, non ha nulla da farsi guardare, una faccia da sporcacciona, cammina per strada mangiando una mela, con i libri di parapsicologia, le piace studiare e questo la fa vomitare; ma quando mi guarda con quegli occhi piccini, da perfetta bugiarda si vede quello che nasconde, che non vorrebbe mai dire, mai fare, ma quando fa pensieri strani con una mano, una mano, si sfiora, lei sola dentro la stanza e tutto il mondo fuori.
Stasera dovrebbe arrivare Gianni classica serata film sul divano, birra, e poi birra e poi birra e alla 13° birra attenderemo la 14° birra, lui è così si vedrà metà film e poi si spegnerà la televisione, sbronzi marci si litigherà tutta la notte per immaginare il possibile finale; al mattino una volta deciso il seguito si vedrà l'altra metà del film e finiremo ad insultare il regista, come accade sempre ogni giovedì notte.
Richi ha preso gran parte della mia vita, ma non è mai stato in grado di restituirmela, ora è partito per l'America, "Voglio vedere la grande pera" mi disse, " la grande mela vorrai dire", lo corressi subito, ma lui è sempre stato un tossico e per lui andare in America significava provare ogni tipo di droga.
Ho girato per anni in una compagnia di idioti, alla fine me andai, per via delle loro condizioni mentali, erano convinti che il Negroni fosse un cocktail creato dagli africani, il fatto è che stavano tutti sbagliando.
Ora come ora di grandi amici, non ne ho molti, i pochi rimasti preferiscono passare per conoscenti, di cosa poi non lo so ancora adesso, non occorre sapere per essere amici, basta capirsi in qualche modo, senza troppe pretese e basta così; ora con i social network sei amico di tutti anche se non sai chi cazzo sono in realtà, ma questo è il bello, ti puoi vantare di vivere chiuso in casa con tanti personaggi che ti scrivono, senza dover per forza uscire, senza dover per forza sapere che cazzo vogliono, senza dover comprendere se sei un amico o no; ora l'amicizia è un click, prima dovevi sudartela in strada, ora puoi semplicemente assopirti davanti ad un pc.
Comunque la vita ora è diversa, la gioventù cambia è sei vuoi essere mio amico metti mi piace; altrimenti ti aspetto sotto casa stronzo.

 

1
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • stella luce il 06/11/2013 05:52
    bello e divertente il tuo racconto, e visto non vorrei trovarti sotto casa passo per dirti che "mi piace"... il vero amico non ha bisogno di molte spiegazioni e poi alle volte anche dal virtuale nascono belle amicizie... condivido comunque in pieno la parte finale del tuo racconto... e ben arrivato su PR

2 commenti:

  • Lucia54 il 07/11/2013 01:24
    Mi piace, debbo ammettere che queste stronzate hanno una loro estetica, saluti
  • loretta margherita citarei il 06/11/2013 04:21
    apprezzato molto complimenti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0