PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Essere bambini

Negli occhi dei bambini c'è quella luce che noi adulti non abbiamo, gioioso vivace imprevedibile, a volte dolce incantevole, tenero e fragile. Un miracolo sbocciato, sentito vissuto, una prova forse una sfida. Quel turbolento bambino che dice tutto ciò che pensa con la voce della sincerità. Che quando ti senti un Po giù, ti guarda con quegli occhioni. Mente libera e un Po distratta, che non vede pericolo, e quando è malato ti fa quasi pena, per la sua calma inquietante, e quando fa i suoi discorsi senza senso, ti fa sorridere, poi il periodo dei mille perché, che a volte ti fanno sentire impacciato, perché le risposte sono più grandi di lui. Il perdere la pazienza, che aimè ce ne vuole tanta, e come genitore sentirti in colpa per un rimprovero e sculaccione scappato. E il domandarti che genitore sei, e come crescerà con i tuoi insegnamenti, in base alla sua età, che si fa complicata ogni anno che passa.

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Anonimo il 16/11/2013 16:41
    Bello il contenuto di questo brano, purtroppo non supportato da una buona forma di narrazione, tant'è che certi periodi risultano poco chiari... per esempio l'incipit, che trovo molto bello, parla della luce degli occhi dei bambini... subito dopo aggiunge che questa luce(almeno così immagina il lettore se non si specifica altro) è gioioso vivace imprevedibile, oltretutto senza alcuna virgola... ma poi è un po' così tutto il brano. Ecco, questo è il mio pensiero: lei ha dei buoni contenuti da esporre, tipica indole dei poeti, ma li esprime in una strana forma... credo le si addica di più la poesia, a meno che voglia provare a curare la forma. Io mi ci diverto e se vuole le posso far vedere, modestamente, come uscirebbe rinnovato questo brano vestendolo con un abito della festa. Se le interessa si può vedere anche in privato. Un saluto... e non me ne voglia.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0