accedi   |   crea nuovo account

Il giusto di Binasco

Secondo quanto riporta il Mosaico, Bollettino della Comunità Ebraica di Milano: "La comunità di Milano risale all'Ottocento.
In città, infatti, capitale del ducato dei Visconti, prima, e degli Sforza poi, era sempre stato concesso agli ebrei di fermarsi al massimo tre giorni consecutivi per sbrigare i loro affari.
Per questa ragione essi risiedevano in località vicine, come Monza, Abbiategrasso, Melegnano, Lodi, Vigevano, Binasco, e andavano ogni giorno a Milano.
Questo pendolarismo fu possibile fino al 1597, anno in cui furono espulsi." Tale ospitalità confermata anche da una rapida "spigolatura" su internet digitando "Ebrei e Binasco trova poi degna segnalazione negli anni bui delle persecuzioni razziali e della "soluzione finale" nella storia e nelle vicende umane di Augusto Weiller, avvocato milanese, sfollato con la moglie, la figlia e il figlio in questo piccolo paese a metà strada tra Milano e Pavia.
Così, molti anni dopo, ne descrive il ricordo il figlio, ing. Guido nel libro autobiografico " La bufera. Una famiglia di ebrei milanesi con i partigiani dell'Ossola"-Edz. Giuntina:..." Nel tardo pomeriggio dell'8 settembre, aspettavo, a Binasco che papà, mamma e Silvana arrivassero da Milano"..." Milano era semidistrutta, le strade in cattive condizioni, molto gli "sfollati pendolari"..." Ero uscito dal nostro "monolocale con servizi ed angolo di cottura"..."Ad un certo punto sentii una voce lontana che gridava una frase, ripetendola più e più volte, che all'inizio non capivo. Poi le parole si fecero più chiare " La pace sia con voi! A ripeterla era un contadino, che avanzava, in piedi su un carro a pianale basso trainato da un cavallo al passo, tenendo in mano le redini e facendo gesti larghi con il braccio libero"..."Tre o quattro giorni dopo, non ricordo la data esatta, papà ascoltò alla radio, la piccola radio rimediata, sistemata sul comò, una trasmissione in tedesco. Non ho mai saputo se fosse la voce di Hitler o di uno dei suoi; a trasmissione finita, capendo subito quanto fosse pericolosa la situazione per gli ebrei, spense la radio, e subito dopo il "clic" dichiarò senza alcuna inflessione, con voce piatta:- Bisogna andare via."
Grazie all'aiuto dell'allora medico condotto di Binasco che con la sua auto e per vie traverse, sfidando vari pericoli, conduce la famiglia Weiller fino a Mortasa ecco che la stessa, dopo un paio di settimane, si ritrova a Quarna, sopra Domodossola, senza carte annonarie, senza falsi documenti, senza alcun contatto con organizzazioni o singole persone di fiducia cui appoggiarsi. Guido, figlio di Augusto, prende contatto con il comandante dei partigiani di zona, il capitano Beltrami, e così la famiglia si unisce con diverse mansioni alla 'Squadra d'assalto patrioti Vallestrona'.
Guido, che da poco ha compiuto 18 anni, prende parte a missioni d'attacco, funge da furiere e riesce a sistemare ami, esplosivi e la radio collegata con gli Alleati. Dopo qualche tempo una massiccia formazione tedesca, oltre duemila uomini, spazza l'intera zona. Guido si separa dal resto della famiglia, la storia si scinde.
Dopo altre marce forzate e interminabili percorsi nella neve, tutti e quattro i membri della famiglia, riescono fortunosamente a varcare la frontiera elvetica: stremati ma vivi, scampati alla "bufera".

12

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Anonimo il 23/11/2013 17:30
    Ho come l'impressione di averlo già letto; forse era stato già pubblicato e poi tolto... ma c'è pure da dire che queste storie di ebrei e partigiani sono tante e molte si rassomigliano. Un racconto storico che è stato narrato con il giusto distacco, anche se qua e là si riconosce il trasporto umano dell'autore. Un bel lavoro, specie nel contenuto dell'opera; qualche dubbio sul tipo di impaginazione e sulla punteggiatura che non facilita la scorrevolezza, ma sono inezie rispetto al valore del brano. ciaociao
  • salvo ragonesi il 23/11/2013 12:02
    Giusto riconoscimento a persone che in quel periodo si adoperarono per salvare delle vite. Bel racconto di vita. Un saluto salvo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0