accedi   |   crea nuovo account

A me è vietato ricordare

Come se avessimo nel cuore cassettini da poter chiudere e buttarne via la chiave a piacimento. Belli e brutti i ricordi sono lì, solo nostri e spesso ci sono costati lacrime di pazienza, umiliazioni, dubbi e disperazione ma allora erano la "vita".
I belli?! Proprio da chi ne è stato l'artefice arriva la distruzione e si vorrebbe tabula rasa. Ma ancora e perché?
Sul fuoco dei brutti ha soffiato un Amore sincero e sono sfumati, scomparire non vogliono, ma non bruciano più. Per entrambi la vita continua con amori appaganti ed allora...
Ieri sera vedevo in televisione un documentario sui tagliatori di teste, una tribù del Borneo che ancora oggi del nemico, oltre che gradire quel tipo di morte, distrugge qualsiasi cosa loro appartenuta, anche i poveri animali domestici.
Come qualche Faraone inviso in Egitto di cui veniva cancellato persino il nome sulle opere: il mondo doveva DIMENTICARE la persona e tutto ciò la riguardasse.
Così chi ho amato ha voluto e vuole avvenga di me e con estrema caparbietà.
Mi va benissimo che nel suo mondo si realizzi tutto ciò e posso anche capire il suo rancore ma il mio cuore è solo affar MIO, morta sono solo per lui.
Meno male che non ha dovuto faticare a distruggere foto: in un giorno da me tanto sognato, avevo portato una di quelle macchinette fotografiche usa e getta ma appena ho provato ad usarla "apriti cielo"... chi ero io?! nessuna prova doveva esserci di noi due... e per me rimase ancora il mio re. Ma i ricordi belli sono soffi d'amore ad accarezzarmi l'anima, solo miei, di quella che non cambia mai.

 

0
1 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • stella luce il 13/12/2013 23:35
    Sento queste parole molto vicine... chi deve dirci cosa o chi o come ricordare... Lui può anche avere dimenticato, preteso non vi fossero prove... ma non può chiedere di nin essere ricirdato...
  • Caterina Russotti il 13/12/2013 15:57
    Uno sfogo il tuo che esprime sentimenti imprigionati che non vedevano l'ora di uscire...
    L'hai fatto scrivendo... Brava
  • Anonimo il 13/12/2013 14:15
    molto bella, triste e malinconica, forte e rabbiosa... hai concentrato molte emozioni in questo scritto... complimenti

1 commenti:

  • Anonimo il 14/12/2013 15:02
    Molto bello questo rcconto riflessione che descrive il proprio attaccamento ai ricordi... come non farlo mio, visto che io vivo di quel pane, la mia vita è tutto un ricordo... amo ciò che è passato proprio perché non c'è più. non toccate i Ricordi alla mia Chira altrimenti avrete a che fare con le ira funeste... vabbé, non esageriamo.
    Scritto molto bene, buca il video. Tienitelo in serbo come ricordo di Re... ne hai il diritto. Un abbarccio.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0