username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Tre racconti commoventi in cinque righe

La tomba del cane


Sulla sponda del Po, nella campagna di Castelvetro, in provincia di Cremona, è stato ritrovato un anziano agricoltore che era scomparso di casa. A dare utili indicazioni è stato un amico con il quale faceva coppia nel gioco delle bocce. Costui aveva riferito ai Carabinieri che Luigi, questo il suo nome, parlava sempre del cane, morto alcuni mesi prima. È stato trovato addormentato sulla tomba del suo Argo, che lui stesso aveva sotterrato su una riva del Po.


La voce del cuore


Il giornale di Brescia, città della Lombardia, riporta la seguente notizia che a dire dei ben informati corrisponde a sacrosanta verità: una donna di nome Rosa, vedova, recentemente rimasta sola per la morte anche dell'unico figlio, trentenne, ogni anno si mette a cantare per ore fra le rose del suo giardino. La data è sempre la stessa, l'anniversario della morte del figlio, e le canzoni sono romanze tristi. La voce è quella del figlio, che era un baritono.


Ciao Jacques


Jacques Mayol è stato un grande subacqueo, un uomo che ha innovato il mondo della discesa in apnea nelle profondità marine. Aveva settantaquattro anni quando ha deciso di togliersi la vita, a causa di una brutta depressione. Si è impiccato nella sua casa di Capoliveri, a punta Calamita. Ha messo un drappo nero al finestrino che guarda l'isola di Montecristo e si è lanciato nel vuoto, da un ballatoio. Le sue ceneri sono nel mio mare e quando mi immergo mi pare di abbracciarlo.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Vincenzo Capitanucci il 03/01/2014 18:14
    Una trilogia danzante... intorno alla morte... dove la fedeltà si fa canto... e nell'immenso si abbraccia...

    Splendido messaggio... Giacomo...
  • Salvatore Linguanti il 03/01/2014 12:18
    Un trittico d'emozioni con al centro l'uomo e la sua personale ricerca/risposta di significato alla realtà.
    Buon anno Giacomo e complimenti!
  • Glauco Ballantini il 03/01/2014 11:07
    Belle storie, specie quelle con l'ultima riga un po' a sorpresa. Buon anno!!
  • Rocco Michele LETTINI il 03/01/2014 07:42
    Le pillole del mattino, d'una diagnosi accurata, per rinvigorire un assente uomo, nel trasmettere quel tanto che rassereni l'altrui. È bello stuzzicare Giacomo... chissà se funzioni...

13 commenti:

  • sartisa il 22/08/2014 14:11
    Un giornalista di cronaca nera. L'essenziale senza fronzoli di sorta. Stringato come il reporte deve essere. Dare l'informazione senza cadare nell'interpretazione personale. sono tutti e tre scorrevoli, piacevoli. Ottimo anche su BA.
  • Colosio Giacomo il 09/01/2014 06:24
    Ehi... il mio pc non mi passava l'avviso di questi bei commenti... solo ora li scopro. Chissà mai perché... grazie a tutti, anche a Laila che mi ha esternato per ben due volte il suo stupore... grazie, ti sei spiegata benissimo, ti ho scioccata... ahahahah... ciaociao.
  • laila il 08/01/2014 21:57
  • laila il 08/01/2014 21:53
  • Paola Collura il 04/01/2014 17:19
    Si discute sempre delle cattiverie altrui, di come va il mondo... ed ecco che Giacomo proprone tre racconti, veri e commoventi, l'altra faccia della medaglia dell'uomo.
    Bravo Giacomo, è un piacere leggerti!
  • karen tognini il 04/01/2014 13:26
    Piaciuti tanti tanto... il talento non ti manca tenero Giacomo...
  • Stefy L. il 04/01/2014 07:55
    Pennellate di vita quotidiana, quasi liriche. Mi sono piaciuti molto, mi hanno emozionato. Grazie Giacomo, grande Giacomo!
  • nicoletta spina il 03/01/2014 12:19
    Commoventi ed emozionanti tutti e tre... parli del fine vita ma l'amore che trasmetti fa pensare che i sentimenti vanno sempre oltre... e il ricordo di che non c'è più li fa sempre vivere nel cuore di chi è rimasto. Complimenti sempre! sei bravissimo
  • augusta il 03/01/2014 10:51
    bene bene Giacomo... continua è un piacere leggerti... di Mayol il preferito.. 1 beso
  • Chira il 03/01/2014 10:22
    Emozioni per tutti e tre. La morte che fa addormentare sulla tomba del proprio cane, la voce di un figlio che torna ogni volta solo per la madre... dell'atto estremo di Mayol non sapevo ma anche questo lo hai reso liricamente "bello", come se i colori della morte si attenuassero. Continua Giacomo! Leggerti è un piacere.
    Chiara
  • Colosio Giacomo il 03/01/2014 07:08
    oissela... vedo ora che ti sei appena iscritto... bene, uno scrittore in più.. sono contento. benvenuto... eddai, pubblica qualcosa... ciaociao
  • Colosio Giacomo il 03/01/2014 07:07
    Ehi, Alessio, ma se sempre stato qui?... non lo sapevo... ciaociao
    P. S. ne ho scritto 200, di ogni genere... i prossimi saranno umoristici... l'idea me l'ha data Capitanucci... all'inizio ho faticato, poi ho preso il ritmo.
  • oissela il 03/01/2014 07:03
    Di sicuro, il racconto breve non annoia.
    Se scritti bene, come questi, inducono ad imitarti e provare a scriverne qualcuno nello spazio di un francobollo.
    Buon 2014 a tutti.
    oissela

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0