accedi   |   crea nuovo account

La Boheme (riduzione teatrale)

LA BOHEME (COPIONE)

I QUADRO
In soffitta

(Una finestra grande scopre un panorama imbiancato dalla neve di dicembre al Quartiere Latino a Parigi del 1830: vigilia di Natale, un camino spento, una libreria, un quadro "Il passaggio del Mar Rosso" largamente incompleto, il pittore Marcello con le idee confuse sul da farsi e carte sparse mentre il poeta Rodolfo si alza dal povero scrittoio e guarda fuori)


MARCELLO: Questo Mar Rosso mi rammollisce e dà un senso di gelo come se le sue gocce gelate mi venissero addosso!!! Ora dipingo un faraone che affoga e mi vendico! Tu Rodolfo che fai?

RODOLFO: Tra questo cielo grigio della Parigi imbiancata dalla neve vedo comignoli che emanano fumi e vapori e penso a quel caminetto inoperoso come un vecchio signore che ozia. Le foreste prosperano sotto la neve, niente legno per noi, da ardere.

MARCELLO: Rodolfo ti suggerisco un pensiero poetico che puoi utilizzare: FA UN FREDDO CANE.

RODOLFO: Neanch'io credo esista più il sudore che imperla la fronte.

MARCELLO: Ho le dita ghiacciate come le avessi intinte nel cuore della mia amata Musetta che non mi vuole più.

RODOLFO: Anche l'amore arde ma come il nostro caminetto i suoi tizzoni si esauriscono in fretta.

MARCELLO: Sì. Basta un soffio a far bruciare un uomo

RODOLFO: ... mentre le donne rimangono solo a guardare.


MARCELLO: Stiamo gelando, non possiamo stare senza far nulla.

RODOLFO: Bruciamo il mio dramma che sto scrivendo, lo sacrifico per un po' di fuoco che ci scaldi. Atto primo, prendi e accendi.

Entra Colline filosofo in ambasce con al braccio alcuni libri.

COLLINE: Ho cercato di pignorare qualcosa ma al Monte di Pietà oggi non si accettano: è vigilia di Natale!

RODOLFO: Altro fuoco, serve calore, atto secondo, brucia!

1234567891011

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • laura il 04/01/2014 22:22
    ritengo questo tuo lavoro davvero di grande spessore. Sei stato davvero bravo. Amo La Boheme, la ritengo un'opera lirica devvero eccezionale e commovente. Leggendo il tuo scritto ho provato molti brividi e molte emozioni! Non è facile scrivere questa opera come hai fatto tu! Le mie congratulazioni sentite davvero. Bravissimo! un grande saluto
  • Anonimo il 04/01/2014 20:27
    anto... sei bravissimo anche io amo Puccini... se continui così diventerai famoso... stupenda...
  • Chira il 04/01/2014 20:05
    Io amo Puccini e questo tuo bellissimo lavoro mi gratifica molto. Non è la prima volta che fai delle vere e proprie sceneggiature: le fai poi vivere davvero a teatro? Sarebbe giusto completare così questo tuo grande impegno. Buona serata Antonio!
    Chiara

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0