username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Il tunnel degli orrori

Feci conoscenza con la città eterna all'età di dieci anni.
Erano le prime ore del mattino e Roma stava già affaccendata nel suo traffico scuro di metropoli che non dorme mai. Mi colpirono i sampietrini, levigati da anni e anni di piogge e pneumatici.

Mia zia abitava al Portuense, in una bella casa immersa nel verde, tra la Magliana e il San Camillo.
I miei cuginetti, Michelangelo e Mariarosa, erano di qualche anno più grandi. Simpatici ed estroversi, mi organizzarono un improvvisato tunnel degli orrori nella loro stanzetta, iperrealistico con tanto di mostri, streghe, fantasmi e ragnatele.
Mi dissero che c'era un posto (si chiamava EUR) dove esisteva un luna park incredibile con un tunnel degli orrori spaventosissimo, al quale loro si erano ispirati.

Da quel momento, cominciai a desiderare con tutto me stesso di farmi portare in quel luogo, ma invano. Tutte le mie suppliche e tutto il mio frignare si risolse in un buco nell'acqua.

Dopo molti anni, quando ero già uno studente universitario, mi ritrovai nella città più bella del mondo. I miei cugini erano un carabiniere e un'infermiera del San Camillo. Chissà per quale assurdo motivo, mi portarono a visitare il luna park all'EUR. C'era tutto: il tunnel degli orrori, le montagne russe, il far west... ma in quel momento avrei voluto essere altrove, magari a Fontana di Trevi o in qualche museo.

Poi compresi. La vita stava esaudendo uno dei miei più grandi desideri di bambino, solo con qualche decennio di ritardo. E io mi misi a ridere come un cretino e proposi ai miei intraprendenti cugini di fare un bel salto nel tunnel degli orrori, almeno per ricordare i vecchi tempi.

 

4
4 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • AlfaCentauri il 15/01/2014 13:21
    anche vista da quassù Roma è bellissima!
    e chissà se a breve la ruota del Luneur ci indicherà la via!

    ottimo spezzone di vita!
  • frivolous b. il 10/01/2014 14:15
    ahahah... sei un maestro davvero!... anche se continuo a rimanere del mio parere: la capitale e sopravvalutata!
  • Auro Lezzi il 09/01/2014 09:23
    Affascinante solo che per me la città più bella del mondo è Napoli... nonstante...
  • Anonimo il 09/01/2014 08:17
    Oggi il luna park all'Eur non c'è più, ma si puo soddisfare ugualmente la curiosità, attraversando a piedi qualche sottopassaggio di Roma, specie di notte.
    Il tuo racconto mi ha ricordato il desiderio, che avevo da bambino, di possedere un fucile a gommini. Ho dovuto aspettare d'essere grande per comperarmelo, da me!

4 commenti:

  • Anonimo il 15/01/2014 13:01
    Mi ricorda quando da piccolo sognavo di avere un melograno... appena sposato, nel giardino di casa che ho costruito da me, ho piantato due melograni... ahahahah... belli i desideri di fanciullo che si avverano. Mi hai fatto conoscere uno spezzone di Roma, città che non conosco... se non dal mare... ciaociao
  • Anonimo il 09/01/2014 17:19
    Chissà perché alcuni desideri, si avverino sempre tardi... è successo anche a me! Che strana è la vita!
    Molto piacevole il tuo racconto. Mi piace quando racconti di te.
  • Chira il 09/01/2014 08:08
    Vincent... il luna park di Roma era quasi tappa obbligata, dico "era" perché da tanti anni, quando secondo me era diventato più bello che mai, è stato chiuso. Per me è stato come avessero fatto un buco enorme nella mia città e un torto incomprensibile ma... forse per la prossima primavera riapre, i lavori sono iniziati e tornerà a vivere. Grazie per il tuo bel racconto e ricorda sempre che il luna park è un luogo per grandi e piccini!
    Chiara
  • oissela il 09/01/2014 08:04
    I vecchi tempi conservano sempre un loro fascino e poi è sempre bello soddisfare quei desideri del tempo che fu.
    Oissela

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0