accedi   |   crea nuovo account

La lapide nera dei Dogi

Entrati nella imponente chiesa barocca di San Stae - nome che in dialetto veneziano significa Sant'Eustachio - si resta un poco sorpresi dal suo interno chiaro, non particolarmente pomposo ed " arrogante ", in vero contrasto con la facciata grandiosa dell'edificio che s'apre sul Canal Grande. In prossimità dell'ingresso principale il visitatore trova subito, ai propri piedi, una grande lapide nera, una sola lastra di marmo, con un teschio in rilievo. Vi si leggono, incise, le seguenti parole: NOMEN ET CINERES UNA CUM VANITATE SEPULTA. La posizione del sepolcro pare voluta, come se qualcuno, un tempo lontano, avesse deciso che quella lapide nera e la sua scritta fossero le prime cose che l'occasionale fedele o viandante, entrato nel tempio, doveva percepire. Una sorta di monito, su cui immediatamente l'uomo sconosciuto è chiamato a riflettere.
La scritta, come hanno attestato gli Studiosi dell'epoca settecentesca, è d'accompagnamento ai monumenti funebri dei Dogi dell'età Barocca. Ed infatti in questa chiesa sono sepolti i potentissimi dogi del 1700, Alvise II Mocenigo e Marco Foscarini.
L'iscrizione incisa sulla grande lapide nera merita una riflessione. Tradotta in italiano significa " il nome e le ceneri assieme confuse sono sepolte con la vanità". Ma ciò non basta, essendoci a mio parere, un significato che va " oltre" le lettere.
Cosa copre quella lapide? Innanzi tutto il NOMEN di un uomo. Certamente è un riferimento all'alto casato nobiliare, ciò che ha individuato e contraddistinto socialmente il Doge, nel suo potere e nella sua ricchezza. Tuttavia nella tradizione giudaico-cristiana, il " nomen" è quanto ha di più importante l'Uomo mentre è in vita. In questa tradizione di fede l'Uomo non è mai un soggetto generico. È il suo nomen che lo individua come singolo davanti a Dio. Chi ha il potere di dare i nomi alle persone, sin dall'Antico Testamento, è il Signore. Basta leggere il primo libro della Genesi, in cui, dopo averlo creato, Dio chiama l'uomo UOMO, ossia Adamo. Il termine deriva dall'ebraico Adamà, che significa Terra. (Gen. 5, 2).
L'importanza di assegnare un nome caratterizzante l'individuo, la troviamo nel percorso di tutto l'Antico Testamento, dove i nomi hanno sempre un particolare significato legato al mondo e alla fede del tempo, e così pure nei Vangeli, con riferimento in primis al nome di Giovanni il Battista (vedi l'annunzio dell'Angelo a Zaccaria in Luca 5, 13 : Giovanni significa il "Signore fa grazia" ) e a Gesù medesimo (vedi l'annunzio dell'Angelo a Giuseppe in Matteo 1, 21: Gesù significa " il Signore che salva").

Quindi, ritornando alla inquietante lapide nera di san Stae, essa avvisa che sotto di essa è stato sepolto, assieme alle ceneri del proprio corpo, un soggetto che, per la vita terrena, non esiste più nella sua specificità.
Dopo il termine " cineres", troviamo l'aggettivo plurale neutro " UNA" da unus. Ossia: il nome e le ceneri ( di questo uomo) confusi, mescolati assieme. È la polvere in cui ogni essere umano ritorna con la morte. Ma la morte non ha distrutto soltanto il corpo, s'è presa anche il "nomen" di lui, ossia ciò che in vita contraddistingue l'individuo, in ogni suo aspetto.

123

2
3 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 11/01/2014 14:27
    Hai tradotto la storia con sagge osservazioni che solo un'attenta cultrice poteva lasciare a un tesoreggiato lettore... STUPENDA NEL SAPER TRASMETTERE HISTORIA A MOLTI SCONOSCIUTA O... SOLAMENTE PER AVERNE VAGAMENTE SENTITO PARLARE... UN DILIGENTE FORGIATO MARIATERESA
  • Caterina Russotti il 11/01/2014 13:40
    Grazie di cuore, per questo tuo scritto che non solo ha colmato una mia grande lacuna storica. ma mi ha fatto anche riflettere sull'esistenza e la morte dell'uomo. L'ho letto volentieri.

3 commenti:

  • oissela il 11/01/2014 16:48
    Decisamente una bella pagina, che induce a riflettere sul senso della vita e sul nostro inutile affannarsi, come se dovessimo vivere per l'eternità. Ciao. Oissela
  • mariateresa morry il 11/01/2014 13:53
    Beh... può darsi che alcune cose io le sappia meglio e voi altre... l'importante è metterle in ordine, rifletterci, approfondirle e poi regalarle agli altri! Grazie a voi: non è importante avere decine e decine di commenti, ma pochi e sinceri. Grazie a voi!
  • Chira il 11/01/2014 13:13
    Interessantissimo scritto... Da una semplicissima quanto profonda frase in latino, una serie di curiosità, letture, storia, religione e riflessioni. La morte che vanifica ricchezze, potere... tutti ci accoglie. Mi mancavano i tuoi racconti, le tue poesie e la tua cultura.
    Chiara

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0