username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Giacinta

Il temporale aveva brontolato sin dalla tarda sera; era arrivato dalla parte del Garda, come sempre, da est, carico di bile. Nello scuro della notte le nuvole non si potevano distinguere, se non per le saette che ne illuminano i contorni. Giacinta non chiudeva mai le imposte della sua camera da letto, così essa intravedeva, attraverso il tendaggio sottile, i lampi che abbagliavano la stanza, mostrando gli spigoli dei mobili lucidi, d'altri tempi.
Improvvisamente cadde un fulmine con un frastuono secco. Giacinta sentì i canarini, che teneva in cucina, agitarsi dentro la gabbia. Sbattevano le ali contro le barrette di alluminio. Pensò di alzarsi per rassicurarli, ma l'idea di uscire dal letto la fece desistere.
Attese ancora qualche minuto e i canarini si acquietarono. Seguirono attimi di sospensione, poi ecco lo scroscio impetuoso, una caduta d'acqua verticale, senza un filo di vento e cominciò la pioggia per l'intera notte. La primavera calda portava questi cambiamenti repentini. La giornata era stata molto afosa, ma ora sembrava che fuori casa si presentasse l'autunno.
Giacinta si chiuse tutta sotto le lenzuola, raccolse le ginocchia contro di sé e rimase ad ascoltare il rovistare della pioggia, il martellare delle gocce contro la grondaia e l'abbondanza d'acqua che in men che non si dica iniziò a sfogare dal vecchio tubo, per finire in un bidone addossato all'angolo dell'edificio. Non aveva paura del maltempo, si sentiva al sicuro nella casa dove abitava sola, dopo che via via, prima i fratelli poi i genitori, se n'erano andati sia per avventura sia per mala sorte.
" Devi avere una vita tua ", le vennero alla mente le parole di sua madre, quando anni addietro la rimproverava di starsene troppo in casa, di non avere amiche.
" Siamo preoccupati per te! " le sussurrava il ricordo del padre all'orecchio. Sentiva la voce di lui come se fosse stato davvero accanto, chino vicino al guanciale.
Nella vita di Giacinta tutti erano convinti che ella avesse sacrificato l'esistenza per accudire i genitori, che avesse consunto la propria giovinezza dietro ai loro anni. Per molti era rimasto un mistero come mai quella ragazza alta, dal collo sottile e con bei capelli ramati, non avesse trovato un fidanzato, un marito. Perché nella mente dei più, lei era una ragazza adatta ad un onest'uomo, destinata ad un uomo per bene. Giacinta era stata farmacista, aveva lavorato a lungo nella farmacia della cittadina, quella sita in piazza, vicino allo studio notarile. Un palazzotto d'epoca un poco pretenzioso.
" Devi avere una vita tua... siamo preoccupati per te..."

" Non è questo il momento adatto, Giacinta - le aveva risposto il segretario del notaio, un giovane che vestiva sempre inappuntabile ( forse le cravatte di tinta un poco spenta... unico piccolo neo).
" E quando posso parlarti, allora? - aveva chiesto lei, fissandolo con i suoi occhi nocciola, non capendo perché mai Sergio - il segretario si chiamava Sergio - volesse rinviare il colloquio.
" Non mi posso interessare di questa cosa, Giacinta- ripetè il giovane, seccato. E nel dire questo battè i palmi aperti delle mani contro la scrivania. Le penne tintinnarono nel portapenne argentato.

123

1
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • Ugo Mastrogiovanni il 16/01/2014 11:19
    Tra "il rovistare della pioggia", (un preziosismo esclusivo della Morry), l'insistenza di un temporale primaverile, il pigro sonnecchiare di Giacinta, ecco definirsi un inaspettato protagonista, la Giacinta stessa. Una donna sola, immersa in ricordi da non ricordare. È questa la tecnica di Mariateresa: zuccherare un boccone amaro. Una donna senza amiche che non aveva mai trovato un marito e forse neanche un fidanzato, un vero mistero che delicatamente scompare, ma non rasserena, anzi incupisce. L'epilogo di questa breve "storia di corpi e di desiderio" rattrista infatti, ma resta un resoconto che ci fa riflettere su come, molto spesso, un'ora d'amore possa rovinare un'esistenza.
  • mariateresa morry il 12/01/2014 14:36
    Vi ringrazio per la vostra attenzione e i vostri incoraggiamenti!!
  • karen tognini il 12/01/2014 09:52
    Molto bello M. Teresa...
    Chissa' quante Giacinte si portano un tale dolore nel cuore...
  • karen tognini il 12/01/2014 09:51
  • Chira il 12/01/2014 08:31
    Che bello, credo uno dei tuoi più belli! Vincent ha ragione...
    Chiara
  • vincent corbo il 12/01/2014 07:33
    Quando leggo queste cose, almeno riesco a riconoscere i miei limiti. Non sono un esperto, ma penso che tu sia una vera scrittrice con la S maiuscola.
  • vincent corbo il 12/01/2014 07:31
    Che bello questo pezzo!
  • oissela il 12/01/2014 06:53
    È una pagina che si fa rileggere, per meglio comprendere il dramma che non è solo di Giacinta, ma che appartiene a tante donne.
    Una scelta difficile e una tempesta che condizionerà tutta la sua
    esistenza. Lo sbattere le ali di quei canarini e il loro acquietarsi inducono a riflettere sulla fragilità della protagonista. Ciao.
    Oissela

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0