PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Irene 20 anni dopo l'esame di stato

Sospirai, assorta nei pensieri che solo una giornata di pioggia, uggiosa e tedia, trascorsa a casa da sola può suscitare.
Sul divanetto sotto la finestra, il mio sguardo vagò per il giardino trafitto da lance che scendevano crudeli dal cielo capriccioso.
"E così" cominciai come in un dialogo tra me e me " eccomi qui, vent'anni di vita trascorsi a sfacchinare per realizzare quei sogni da ragazza cui tanto ambivo, per poi ritrovarmi spiazzata di fronte alla maestosità della natura e accorgersi di come quel tempo è stato totalmente inutile.
O, sogni impressi a fuoco nel mio cuore, perdonatemi per come vi ho brutalmente uccisi, seguendo solo la legge del mondo, la ferrea norma della convenienza stipulata dal rigurgito acido della vita, che ha più e più volte trapunto cuori inerti, un tempo colmi di speranze.
Mi ripromettevo di essere diversa, di uscire dal grigiore così come fa il primo timido fiore che rinasca dopo l'inverno. Egli sa che è destinato ad appassire, che nessuna mano gentile di giardiniere lo annaffierà o scaccerà da intorno a lui i parassiti assassini che bramano solo di divorare il suo esile stelo avvolto in un mantello di ghiaccio, eppure quegli ingenui fiori continuano a sbocciare, in una lotta contro la biologia, la botanica, la scienza in generale, non vinceranno mai la sfida col gelo, ma nascono per dar forza alla stessa terra di rinascere, sacrificano le loro vite per dimostrare che è possibile essere diversi.
Così io volevo essere, una rosa selvatica incurante dell'inverno, sprezzante di fronte alla morte e orgogliosa di fronte alla vita.
Invece cosa mi capitò allora?
Perché accettai di essere così sfruttata, spremuta dalla società?
Ora mi scopro tutte le mattine ad uscire di casa alle 7, vestita di tutto punto, con la valigetta in una mano e un caffè in cartone nell'altra per andare al lavoro.
Non sono più una persona, ma una squallida molecola d'acqua grigia trasportata dall'impetuosa corrente di una soffocante routine.
Lavoro come impresaria, molti sgranerebbero gli occhi se lo sapessero, ma io no... un tempo anche io ne andavo fiera, ma adesso non so più che pensare.
Forse non devo pensare, sono solo un robot telecomandato da qualcosa di troppo alto, invisibile ad occhio nudo.
Fatto sta però che guadagno tanti soldi, stando seduta al computer progettando edifici e controllando i bilanci dell'azienda. Mi faccio schifo. Sono diventata ciò che ho sempre odiato e accusato, quella gente che non ha anima o quantomeno non ha il tempo di cercarla, incastrata com'è tra il lavoro e le lezioni di pilates.
Il lavoro assorbe la maggior parte del mio tempo vitale, sia esso pubblico o privato, ed è proprio per questo che mi ritrovo a rimpiangere il passato.
Non ho più un'anima gemella con cui condividere tutto ciò che guadagno, che per me è troppo e mi ritrovo schiava del mio stesso denaro, sommersa di banconote, annegata in assegni in bianco, sepolta sotto cumuli di soldi; gli stessi, maledettissimi soldi che mi fecero litigare con l'amore della mia vita.
Ora lui mi odia e mi reputa una 'marionetta del sistema'. Di fatti è quello che sono, un burattino vestito da impresario i cui fili sono ora troppo intrecciati, nelle mani del burattinaio per tentare di divincolarsene...
Quei soldi, strumento inventato dall'uomo e che ormai lo ha ridotto in schiavitù, prendendo su di lui il sopravvento, ciò che mi è successo è analogo:
in me è morta quell'Irene figlia della ribellione".

 

0
2 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • frivolous b. il 14/01/2014 09:22
    non solo qui tratti temi molto importanti, ma lo fai in modo coinvolgente e "altamente" narrativo... i miei complimenti!
  • Caterina Russotti il 13/01/2014 19:37
    Un giorno, un signore mi disse... "Odio il mio pancione... Ma che ci posso fare... Amo e ho sempre amato mangiare ed ora non riesco più a farne a meno... E dire che una volta ero un bel giovanotto ... Magro ... aitante e pieno di donne... Ed ora invece non riesco più ad allacciarmi le scarpe da solo e le donne poi... Insomma sono l'ombra di quel che ero!"
    Lo guardai e gli dissi... "Domani appena alzato... Si metta davanti allo specchio e parli al sig... Gli dia il buongiorno e poi gli chieda cosa può fare per Lui... Ma soprattutto gli domandi se almeno lui si vuole bene."
    Mi guardò, sorrise e mi disse: " è un bel consiglio! Non so se lo farò , intanto la ringrazio.. Io ed il mio diabete le siamo grate della sua attenzione."
    Bellissimo il tuo racconto..

2 commenti:

  • Matteo Contrini il 18/01/2014 13:44
    Devo dire che questo racconto si adatta benissimo alla mia condizione attuale: giornate di pioggia, a riflettere sui ogni repressi o ancora realizzabili.
    Credo sia un racconto umanamente condiviso da molti qui
  • oissela il 13/01/2014 18:48
    In ognuno di noi, lungo il percorso esistenziale, ha albergato lo spirito sessantottino e la voglia di cambiare il mondo.
    Il mondo che ha una certa esperienza non si è preoccupato mai più di tanto e lemme lemme è stato esso a cambiare noi.
    Diciamo che forse siamo stati fortunati ad imporci e poterci rammaricare. Il racconto è ben strutturato ed è anche scritto bene. Oissela

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0