accedi   |   crea nuovo account

Giornata tipo

C'era una volta una formazione. C'era una volta una formazione sulla sicurezza sul posto di lavoro. Questo equivale sostanzialmente ad una sola cosa: otto ore, ovvero una giornata intera, interissima, persa, bruciata, carbonizzata, buttata nello scarico cazzo!!
Gin è un vulcano, una lampadina, una lava colante di idee pronte a fuoriuscire dal suo cervellino malato, e distruggere un'intera metropoli, con la potenza che solo la forza della natura può possedere.
Beh, si dice che bisogna pensare positivo no? Trovare il lato positivo in ogni situazione, anche quella che appare assolutamente irrecuperabile. E vediamolo sto bicchiere mezzo pieno!!!
Nota: In questo particolare caso il bicchiere dev'essere rigorosamente uno shottino di votka.
Non per essere alcolizzati... ma come la superi diversamente una giornata così? Quando ce vò, ce vò.
Arriviamo finalmente all'utilità di questo fantastico corso di formazione sulla sicurezza sul luogo di lavoro, dodici interessantissime ore, non una di più, nè una di meno, da trascorrere in una sala davvero molto accogliente del comune di Cuneo: La sala Vinai.. (che tra parentesi si scopre una volta fuori sia pure la stessa sala dove ti sei laureata due anni or sono. E beh).
Poi non scherziamoci troppo su. Vuoi mettere l'utilità di imparare, in previsione di una fiorente attività lavorativa futura, il modo corretto per mettere il caschetto obbligatorio in cantiere?? Non tutti sanno che bisogna sistemarlo ben saldo sul capo ed allacciarlo al collo, sennò scappa, e che utilità avrebbe? Assolutamente nessuna. E vogliamo parlare delle scarpe anti infortunistica? (si chiameranno così?) Ne esistono di vari tipi a seconda del terreno, praticabile o meno, sdrucciolevole o non.. Insomma a seconda del grado di pericolosità di questo!
Oddio, non so neanche cosa sto dicendo.
So solo che sto divagando.
Come sempre.
E il povero ragazzo stra pagato che tiene i suddetti interessantissimi corsi?
Ha un non so che di Elvis, ciuffetto ovviamente compreso, e indossa un maglioncino dal color marrone/ terra bagnata (tonalità inventata sul momento), che gli da un'aria molto ambientalista, a mio avviso ci starebbe da Dio sdraiato su un bel praticello verde all'inglese. E non dimentichiamo l'elegante colletto della camicetta perfettamente stirato che spunta fuori dal maglioncino terra! Si presenta con una fantasia piuttosto banale a righe spesse blu scuro; che gli conferisce nonostante tutto un'aria estremamente professionale. Un ulteriore dettaglio da non sottovalutare sono gli occhiali che sfoggia, dalla montatura piuttosto spessa e dal colore blu scuro (sarà fatto apposta o è un caso che il colore riporti quello della camicetta??) In ogni caso questi sono decisamente un PLUS sulla sua persona, danno quel qualcosa che fa figo, quasi volesse dire "Io sono il capo cari, e voi mi rispettate, e che cazzo" (rafforzativo che ci sta sempre bene).
A questo punto si potrebbe pensare che Gin l'ha osservato bene sto ragazzo... Sarà davvero un gran figo!
In realtà sta semplicemente lavorando di fantasia.
E che novità.

 

1
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • stella luce il 23/01/2014 09:49
    ... vado a ritroso a leggerti... divertente anche questo tuo racconto che noto essere autobiografico... sai per superare questi corsi, che non so quanto possano servire, il solo modo è appunto munirsi di fantasia...
  • Anonimo il 22/01/2014 18:50
    Madonna ragazzi... un mio concorrente... se ti faccio due domande sulla sicurezza nei luoghi di lavoro capisco chi ti ha fatto il corso... sicuramente un ragazzino, non dico inesperto per non offendere nessuno, ma se venivo io a farti il corso( che poi non ho capito come mai tu avresti dovuto sentire parlare delle scarpe antinfortunistice e del casco... mistero... a meno che tu sia una edile, una geometra... non so) questo bel racconto non lo scrivevi ma imparavi qualcosa. pericolo o rischio?... la differenza l'hai capita almeno, o no... tu parli di pericolo e non di rischio... comunque il racconto è scorrevole e la narrazione convincente... ciaociao
    P. S. se hai dei dubbi sulla sicurezza nei luoghi di lavoro di qualunque tipo contattami... ho tenuto corsi per dieci anni in tutta la lombardia... ciaociao
  • Caterina Russotti il 22/01/2014 16:45
    Ahahh bello! L'hai descritto così bene da non sembrare una fantasia! Brava mi piace il tuo raccontare.
  • Chira il 22/01/2014 13:46
    Cara Elisa, ti si legge molto ma molto piacevolmente. Stesso complimento e stesso grazie per tutti e tre i racconti che ho avuto il piacere di leggere. Bravissima!
    Chiara

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0