username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

La Ragnatela

Dicono che la nera bevanda del diavolo sia la cosa più buona del mondo...
Forse è vero, canta la gaggia e al terzo sbuffo, canto anch'io.
Di là, l'alba si tinge di rosa, di qua, il delizioso aroma dell'arabica.
"Anche a me, per favore, senza zucchero."
Si stiracchia, movenze sensuali, sorseggia ed io ammiro la generosità del seno.
Offerta di cibo/richiesta di sesso?
"Ascolta, Tesoro, avrei pensato di..."
"Alessio, fai quello che ti pare, ma almeno per oggi non mi parlare."
Eh già! Ci sono delle mogli fatte così ed a me, ne è capitata una del genere.
No, no... non è stata sempre così, la ricordo, ancora,
quando giovane assistente di filologia germanica,
seppe farmi convolare a non contrastate nozze.

La dolce collaboratrice familiare, verso le dieci, ha dato i numeri,
sbraitando come una sbrenia ubriaca.
Colpa di cicche, carta straccia e rimasugli alimentari, vicino al P. C.
Vaglielo a spiegare, alla ragazza, che avevo passato mezza giornata
a interloquire con voi, poeti e scrittori del Web.
Certa gente contesta, protesta ed è pericolosa anche quando dorme.
"Signora Franca, suo marito dovrebbe andare dallo psichiatra, ecco...
se me lo permette... lo trovo un po' strano, parla sempre da solo."
"Non ti preoccupare, Silvana, egli discute con quell'informe pietra
calcarea, sì quella specie di testa extraterrestre,
che sta appoggiata sopra lo studiolo."
"E a voi, tutto questo sembra normale?"
"Sì, tutto normale e poi Alessio e la Pietra non hanno mai fatto del male a nessuno."
"Signora, vi sentite bene?"
"Sì, Silvana, e voi?"

La gaggia sbuffa di nuovo, il caffè, stavolta, è tutto per me,
almeno nelle intenzioni.
"Tesoruccio... grazie per il caffè, me la defilo alla svelta."
"Sparisci, almeno per oggi."
Che bello essere coniugati, gli uomini vivono per perdonare e
le donne per vendicarsi.
Eccolo il mio angolo, pinto e lindo come Cristo comanda...
Silvana ha fatto un buon lavoro.

12

2
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • Anonimo il 28/01/2014 17:35
    Un bel narrare che si legge volentieri!
    Bravo Oissela.
  • AlfaCentauri il 27/01/2014 08:20
    La redaz nn esiste e siamo in balia di noi stessi.
    (sta quindi a noi tenere il sito come luogo di scrittura, rispettando il regolamento che non servirebbe se le persone fossero più civili e più adulte!)
    sopravvive qualche collaboratore per l'approvazione dei testi ma molti passano in automatico.
    CIAO! E A BUON LEGGERE. i tuoi manoscritti mi piacciono!
  • oissela il 27/01/2014 06:34
    Il p. c. per molti di noi è un amante.
    Grazie per la lettura e per il commento.
    Ciao.
    Oissela
  • oissela il 27/01/2014 06:20
    Per Chiara. Al San Matteo di Pavia, sono bravissimi nel cucire. Devo a loro la vita, dopo che mi hanno raccapezzato l'aorta addominale. Grazie per la lettura e per il bel commento.
    Ciao.
    Alessio
  • oissela il 27/01/2014 06:09
    Io propongo e la Redazione approva.
    Sono rimasto sorpreso, positivamente, stamattina, constatando
    la pubblicazione, le letture e i commenti.
    Ho modificato un po' la grafica e non mi preoccupo se un mio lavoro dovesse passare inosservato.
    Su questo sito, sto cominciando a leggere anche le poesie, cosa
    che mi accadeva raramente altrove.
    Prima o poi, posterò alcuni episodi di una mia opera(La Pietra) e vorrò vedere molti poeti in Narrativa.
    Ciao.
    Oissela
  • AlfaCentauri il 26/01/2014 20:00
    carino, allegro, leggero... piaciuto! testa di pc, compresa! arma letale, moderna!
  • Chira il 26/01/2014 19:53
    Data l'ora un racconto perfetto... casalingo, di normale amministrazione direi e per questo è stato un piacere leggerlo! Ottimista tanto da saper raccapezzare una ragnatela spezzata. WWWW.
    Chiara
  • Anonimo il 26/01/2014 19:41
    Molto bello, piaciutissimo... un clima soft di ineluttabile voglia di vivere, un discorrere con se stessi e con gli altri che è di una leggerezza unica, pur nel trattare pensieri ed argomenti profondi.
    Stavo chiudendo il pc, come mia abitudine, e dopo aver cliccato 20 volte su racconti del giorno ecco che esce il tuo alle 20 e 30... ma questa redazione che fa?... o è colpa tua?... magari domani passa inosservato... vabbé, bravo Alè... ciaociao

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0