PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Ti amo

Lui la guarda.
Lei è bellissima sotto la luce della luna.
Lei sorride, nella sua mente quel sorriso è rivolto a lui.
Lei si accende una sigaretta, non sa che se continua così finirá per rovinare il suo splendido corpo.
Lui le si avvicina, le sfiora la spalla.
Lei lo guarda i suoi occhi penetranti lo squadrano
-Che vuoi pezzente?-la sua voce presenta un'inclinazione alla collera.
Lui si allontana
Con la coda dell'occhio nota che lei ha appena iniziato a parlare al telefono.
La sua voce squillante lo ferisce come una coltellata non è possibile che lei gli abbia rivolto quelle parole e ora sta parlando al telefono come se niente fosse
Lei deve imparare a capire che per lei esiste solo lui... e nessun altro.
Dalla tasca interna della giacca tira fuori un coltello.
Le si avvicina.
Lei abbassa l'apparecchio -Oh ancora tu!- esclama ma lui le avvicina il coltello.
Lei emette uno grido stridulo.
Lui le accarezza una guancia ma lei é troppo impietrita, troppo spaventata e lui invece la vuole morbida e disposta come tutte le volte che nei suoi sogni se l'è immaginata.
La costringe a sdraiarsi per terra.
Lei inizia a singhiozzare.
Le sferra un calcio sul mento.
Lei smette.
-Brava- mormora
Con il coltello puntato contro di lei si slaccia i pantaloni.
-No ti prego-sussurra lei impaurita
Le strappa la gonna, le sue mutande biamca rispendono alla luce della luna.
Gliele sfila lentamente
Lei ha ripreso a singhiozzare.
I suoi singhiozzi si fanno alti e lui non ne può più.
Prende il coltello e glielo conficca tra i seni.
La camicetta si tinge di rosso.
Emmette un singulto.
I suoi occhi vitrei si rivolgono verso la luna mentre la sua bocca aperta in un grido che non avrá più fine
Lui le si avvicina all'orecchio e mormora
-Ti Amo-

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • oissela il 02/02/2014 07:14
    E glielo poteva dire in un altro modo ti amo!
    Magari a suono di ceffoni e poi si sarebbe fatto perdonare
    con fiori e cioccolatini.
    Benvenuta tre gli immortali autori del web e non mi dispiace lo stile asciutto e distaccato delle diverse sequenze.
    Rileggere prima di postare, altrimenti la tastiera fa la furba.
    A risentirci.
    Ciao.
    Oissela
  • Giulia Brugnoli il 01/02/2014 18:32
    Ti ringrazio per il tuo commento, francamente é la prima volta che mi butto sul genere horror quindi come hai detto tu non sono un esperta comunque proverò ad esercitarmi
  • Anonimo il 01/02/2014 16:18
    Intanto benvenuta nel sito... devo dire che io leggo di tutto, sempre, anche se il genere horror non è il mio preferito, anzi. Devo comunque dire che non credo nemmeno sia il tuo... intendiamoci, non che sia scritto male( a parte la punteggiatura così così che insomma può essere migliorata ed alcuni refusi)ma manca di pathos, di climax, come dire, non sei riuscita a creare quel ritmo nella narrazione che coinvolge il lettore con un finale degno... mah, mi sento di darti un consiglio, perché non provare con qualcosa di semplice, di autobiografico o biografico, fatti reali anche semplici?... son sempre ben accetti. Comunque libera di avere i tuoi gusti... ovviamente. ciaociao.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0