accedi   |   crea nuovo account

Alba o tramonto

Corpi. Nient'altro che corpi intorno a me. Alcuni hanno ancora scolpita nel viso l'espressione che accompagnava il loro grido di battaglia. Altri, più sinceri, hanno ancora l'espressione impaurita del momento in cui si sono resi conto che la morte li avrebbe raggiunti. Ciò non li rende peggiori dei primi. Non c'è niente di nobile nella nostra morte: che tu te ne vada con simulata fierezza o con un sincero terrore, non fa alcuna differenza quando sei già tornato a far parte della terra.


Sospiro e carico il mio fucile, lo stesso con cui ho combattuto finora, lo stesso che ho ricevuto il primo giorno che sono arrivato qui. Lo stesso con cui ho ucciso, nel nome di un Paese che mi premia per mandare all'inferno queste persone. Mentre il fucile scatta, realizzo che sono stanco. Stanco di combattere per una guerra che non finirà mai, e che se finirà farà subito posto a un'altra, più lunga. Più cruenta.
Non credo più nella pace, come tutti i soldati che ho conosciuto. Tutti sono entrati nel servizio militare perché, in fin dei conti, sapevano fare solo quello e speravano di guadagnarsi in questo modo il rispetto della società. Ci nascondiamo dietro all'altisonante ideale di combattere per la nostra patria, e se necessario morire. Non c'è niente di nobile nella nostra morte, e non c'è niente di nobile nella guerra. È solo una condizione perpetua di questo mondo. Non credo nella pace, lo ripeto, perché se per mantenerla tutti devono essere d'accordo, basta un solo uomo per scatenare una guerra. Mi pento solo di essermene reso conto troppo tardi.
Mi trovo qui da cinque minuti ormai. Guardo il cielo: è il tramonto... o forse l'alba? Buffo, non riesco a ricordarmelo, per quanto mi sforzi. Sparo da talmente tanto che ho perso la cognizione del tempo, da talmente tanto che non riesco a contare i giorni che mi separano dalla prossima domenica, giorno in cui arrivano le lettere da mia moglie. Continuo a rifletterci, ma il combattimento mi ha alienato a tal punto da privarmi della percezione del tempo.


A casa, mia moglie aspetta che ritorni. Per lei combatto, pur sapendo che non porterà a nulla.
Eppure è così che facciamo. Troviamo qualcuno da proteggere, e per farlo ci immischiamo in imprese che vanno oltre le nostre capacità. Siamo egoisti, egoisti che tentano l'impossibile per la paura di restare soli con la loro colpa: quella di non essersi sforzati abbastanza. Ne siamo consapevoli, eppure ci amiamo a vicenda. Eppure, al di là della guerra, esiste un posto in cui io sono amato. Ma a che serve essere amati, se tu per primo non ami te stesso? Io ho smesso di farlo la prima volta che ho premuto il grilletto contro un nemico. Funziona così: premi un grilletto e decidi la morte di un uomo. Un uomo che magari aveva una famiglia proprio come te. Un attimo per decidere, un attimo per sparare e un attimo per realizzare che quell'uomo non si rialzerà più. Tanti attimi quanti sono i respiri che la tua vittima ha fatto prima di morire, invece, non sono sufficienti per accettare quello che hai fatto.

12

0
3 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Glauco Ballantini il 16/04/2014 09:05
    Molto bello, un finale che avrei preferito più secco, tipo nelle ultimissime righe (solo gusto personale eh..)
    Un racconto che ho immaginato come un film in bianco e nero tipo "Orizzonti di gloria".
  • mugdin cehaic il 12/02/2014 19:08
    Complimenti Alessandro ti poso capire ero anche io militare di professione nel ermata di ex jugislavia ma 1992 ho capitto come te che ideali si vendono e si comprano dipende dal punto di vista. vedo tua amarezza e mi ricodo che anche io 1993 combattevo per sopravinenza come te adesso. tanti saluti
  • Rocco Michele LETTINI il 12/02/2014 14:22
    Vita o morte... in una metafora volutamente cercata per lasciare in sì dubbioso racconto il misterioso mutar celeste...
    FANTASTICO COME NON MAI ALESSANDRO...

3 commenti:

  • Alessandro Tironi il 12/02/2014 19:30
    Ringrazio tutti per aver letto e commentato, sono contento che sia piaciuto.
    Muqdin Cehaic, a dire il vero io sarei solo un ragazzo di 19 anni che ha cercato di immedesimarsi in un soldato, ma devo dire che se hai avuto l'impressione che fosse un racconto "vita vissuta" allora mi sono mosso verso la direzione giusta. Un saluto!
  • gianni castagneri il 12/02/2014 17:34
    complimenti! hai scritto un pezzo splendido e toccante!... mi hai fatto tornare alla mente i racconti del nonno quando mi parlava emozionandosi della "Grande Guerra", delle trincee, dei morti, di quando era stato ferito e dell'infermiera cattiva... come mi spiace non aver registrato allora!
  • oissela il 12/02/2014 14:40
    È un buon racconto.
    Auguriamoci un mondo in cui il termine guerra sia solo un fastidioso ricordo.
    Amerei leggere altri lavori su qeusto tema.
    Ciao e benvenuto.
    Oissela