PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Su... un arcobaleno?

Tu che leggi non senti questa musica... che sembra proprio provenire... -- Non so`... con certezza... caro lettore.. se io... le faccia giustizia... usando quel verbo... "provenire"... per descrivere appunto... una musica... che e` appunto... un tutt`uno con l`aria che si respira.. ma comunque - proprio questa musica... dal suono cosi`delicato... ma maestoso... e cosi`elevante... cattura i nostri tre protagonisti... Tommaso, Susanna e Giovanni.. e li avvolge con un senso... di tale leggerezza... che sembra loro di essere... cosi` leggeri... ma cosi` leggeri... tanto d` avere la sensazione di spostarsi nell`aria.. un fluttuare... piuttosto che un camminare normale...- intendo toccando terra insomma...-
Un sentiero... tutto d`oro zecchino... come per magia.. era apparso dal nulla... come un pentagramma... per quella musica... se il nulla esiste... e si era venuto a consolidare.. pur non essendo solido... sotto i loro piedi... che su di lui si muovevano.. avanzando.. come mani leggere sulla tastiera di un pianoforte.
Una strada di pura luce... magicamente... si era... pitturata... dal nulla... sotto... appunto... ai loro piedi... ed un pennello, invisibile... sembrava continuare il suo operato... pitturando ancora.. ed ancora... una specie di strada-arcobaleno - diciamo - che proprio come un arcobaleno... sembrava esserci... ma che... in realtà` non c`e`. Infatti... i piedi stessi... dei tre nostri amici, nel tentare l`approccio per percorrerla.. essi stessi... esprimevano incertezza... stupore... insicuri... su quella strada... o strana cosa... cosi` soffice... come ovatta.. luminosa... e tiepidamente rilassante... ora avanzando... ora indietreggiando... o girandosi su se stessi... confusi.
Infatti Tommaso, Susanna e Giovanni guardandosi... smarriti... ma incantati... e fissandosi l`un con l`altro... il più` delle volte... ammutoliti.. a volte avanzavano... a volte si giravano... o titubanti... a volte persino indietreggiavano... per condividere... incantati... i loro pensieri e leggere emozioni.. che scaturivano dal loro cuore.. estasiato... di fronte a tanta magia..."Tu che pensi.."dice Susanna a Tommaso "Non siamo forse.. troppo pesanti..?""Io ho-ho-ho un po` di paura.. e se-se-se cadiamo?" afferma Giovanni preoccupato guardando il fratello e la sorella maggiore"Ca-ca-ca-cadremo allora?""Smettila sciocco.. non vedi che tutto procede per il meglio..." gli dice Tommaso "Avanziamo adagio adagio.."suggerisce Susanna che si faceva avanti in punta di piedi su quella soffice cosa... che sembrava pero` sostenerla... senza alcun problema.."Tu hai paura... perche`... Te lo dico io.. il perche`.."dice Tommaso afferrando premuroso per la mano il fratellino impaurito..."Perche`mangi troppi biscotti... e tutte quelle patatine fritte... Se cadiamo... certamente e` per colpa tua...""Non e` ve-ve-vero che ma-mangio tante pata-pata-pata-tine fritte.. io""Che coraggio Giovanni!"dice Tommaso spingendo il fratellino avanti "Cammina... forza... e non fare storie.. . vuoi rovinare proprio tu.. adesso tutto.. Non dobbiamo svegliaaaaarci.. quindi Giovanni per misericordia... non urlare!"lo rimprovera subito Susanna "Pro-pro-prometto al-lo-lo-lora di non ma-ma-ma-mangiarle piu`.. le pata-ta-tatine fritte... no... no-no.. so-so-solo qualche vo-vo-volta.. va bene cosi`?"sussurra teneramente allora Giovanni alla sorella buttando poi... un occhiatina... al fratello maggiore, Tommaso... per assicurarsi il suo consenso.

12

0
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • oissela il 17/02/2014 16:50
    Fantasia sì, ma di quella buona.
    Abbiamo perduto la magia di un tempo e dico che questo brano ne permette un piccolo e grande recupero.
    *Dove sono le nevi di un tempo?
    Forse nella penna di ognuno di noi.
    Ciao.
    Oissela
    '

1 commenti:

  • Tullio il 17/02/2014 17:43
    Ciao... grazie Oisela... scusate.. una forma letteraria un po` impigrita.. vivo a Londra da piu` di 15 anni... ma prometto di ri-mettermi in forma... e presto... questo oceano di talento.. mi da` la possibilita`.. di non dimenticare la mia amata lingua... offrendomi la possibilita` di scrivere ed espormi.. grazie