username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

L'energia nella parola scritta

L'energia è una forza invisibile, basta pensare ai fantasmi. Vi è capitato mai di abitare in una casa infestata? Ebbene, sentirete un senso di disagio, un'oppressione o magari un senso di sereno ovattato. Una volta mi trovai a visitare "La villa del Casale", un sito archeologico protetto dall'Unesco che si trova a Piazza Armerina, nel centro della Sicilia. Ci sono dei mosaici splendidi, avete mai sentito parlare delle "ragazze in bikini"? Ebbene, a mio avviso, quel posto è tremendamente carico di energia, a dirla tutta, provai un senso di profondo turbamento, era come essere caduto in un pozzo profondissimo, nelle viscere della Terra. Faccio questa premessa per spiegare che anche nella parola scritta, l'energia è fondamentale. Nel senso che la parola, vuota di per sé, acquista un connotato sempre diverso a seconda della forma di energia che l'ha "colonizzata". Mi viene in mente una poesia di Salvatore Arman Santoro che nel titolo contiene la parola "troia". Ebbene, riflettendoci, quella parola in quel contesto può far storcere il naso per diversi motivi ma nessuno potrà negare il suo significato poetico e in quel contesto la parola incriminata diviene un vezzeggiativo che l'autore rivolge alla sua amata. L'energia che "colonizza" quella parola è assolutamente positiva. Pensate a tutte le cattiverie, alle ingiurie che si lanciano alcuni autori e autrici in questo sito: quelle parole sono stracariche di energia negativa, direi quasi che vibrano, sono affilate e taglienti, penetrano all'interno dell'anima. Molte persone riescono a caricare i loro scritti di una forza immane e questo vale anche per le opere figurative: "L'urlo di Munch" ne rappresenta un valido esempio.

 

6
4 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • frivolous b. il 04/03/2014 15:53
    che dire? tanti bei concetti espressi in maniera più che esemplare! Ragazzo: tu sei il top!
  • Sabrina C. P. il 04/03/2014 11:51
    quando un'autore ha trovato la chiave del suo animo diventa una garanzia... io leggo " Vincent " e mi preparo ad una piccola grande avventura.. sempre bravo..

4 commenti:

  • Anonimo il 09/03/2014 10:26
    Preferisco il silenzio energico dei fantasmi.
  • loretta margherita citarei il 04/03/2014 16:58
    ti do ragione,è brutto vedere il sito usato da persone orride nell'animo... mi hanno disgustato
  • frivolous b. il 04/03/2014 16:26
    Troppo sintetico? maaaaaaaaaaaaaaaah!
  • vincent corbo il 04/03/2014 16:11
    Troppo buoni... il problema è che sono troppo sintetico perché non posso stare molto attaccato allo schermo a causa di fastidiosi disturbi agli occhi.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0