PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

White-Out

"Il modo di manifestarsi dell'essere è simile al modo di manifestarsi della luce (pháos), che non manifesta se stessa, ma le cose che sottrae all'oscurità per portarle, appunto, alla luce. L'essere (phýsis), come la luce (pháos), è ciò che porta alla presenza l'ente, ciò che, dimorando presso l'ente (pres-ente), lo fa essere e apparire" [Umberto Galimberti: Il tramonto dell'Occidente - Saggi Universale Economica Feltrinelli, Milano 2005 - pag. 101]

"È di questa luce che si prende cura la filosofia quando si realizza in quell'operazione filosofica fondamentale che consiste nel retrocedere dall'oggettivo all'inoggettivo..." [Umberto Galimberti: Il tramonto dell'Occidente - Saggi Universale Economica Feltrinelli, Milano 2005 - pag. 84]

Alla Heidegger: come una caverna platonica, il mondo è una sorta di cinema sul cui schermo si proiettano gli enti, compresi quegli enti che noi stessi siamo; quando la "proiezione" ontica si interrompe, sullo schermo gli enti spariscono e si vede solo più il nulla ontologico dell'essere-senza-ente: il ni-ente; questo nulla ontologico è l'oscurità che mette in luce gli enti.

Dunque, in caso di blackout...

DIALOGO fra ME e un PRETE

- Sono un prete.
- Ah, piacere, io sono un insegnante.
- Volevo dirti che anche tu hai paura del buio, dal momento che hai evitato il buio in sala.
- Già. Innanzitutto vorrei dirle che sono un gran sostenitore del lei, ma che mi adeguo alla moda imperante oggi, anche se non lo faccio volentieri. Però a un lettore prete do subito del lei, guardi, e glielo dimostro subito. Quindi le chiedo: lei pensa che sia più nobile il buio in sala del buio fuori? Per nobile intendo un buio più degno di essere sopportato.
- No. Il buio è buio. Ma tu, anzi lei - guarda che puoi anche darmi del lei, anche se sono prete - comunque, tu, lei, insomma, tu hai abbandonato la sala, ti sei escluso dal consesso umano, hai lasciato i tuoi fratelli in difficoltà, quando potevi aiutarli a trovare una di quelle uscite che sei tanto bravo a trovare.
- Lei lo sa benissimo che ai miei fratelli non interressa quel genere di uscite. E per questo non li considero fratelli. Neanche a lei interessa un'uscita del genere, lo ammetta...
- Certo che no. Il film va visto tutto, fino in fondo, anche se ci si annoia. Non tutti sono ancora arrivati ad amare la luce del mondo.
- Vuol dire Gesù Cristo?
- Ma sì, lo chiami pure Gesù Cristo...
- Lei crede veramente che questo povero Cristo impedirebbe a chicchessia di cercare un'uscita di sicurezza?

12345

1
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Chira il 29/03/2014 13:40
    Scritto in modo perfetto. Belle le metafore sulla vita come lo scorre di un film e le altre riflessioni che pacatamente ma fermamente ne derivano.
    Chiara

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0