PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Silviade (1a parte)

SILVIADE (Le fantasie dell'anima/Kimerik 2009), ancor oggi è attuale questa dedica a Silvio, l'ultimo premier eletto dal popolo... l'Italia affondava e lui giocava al bunga bunga e si preoccupava per Ruby!

-In tema di politica nostrana... Silvio risorto pensa alle donne (fidanzata) dopo aver sistemato i figli! Noi per sistemare i figli pensiamo ai debiti!

-In tema di politica nostrana... dalla padella (Silvio) alla brace (Grillo)!

Silviade (1a parte)
(dedica a Silvio sempre attuale se... tirato a lucido)

Cantami, o musa,
le gesta di Silvio che l'umanità
condusse nell'era della pace.
Si narra che fosse così bello
ed attraente da fare innamorare
chiunque incrociasse.

Nella umana veste di pater familias, con occhio attento anche agli eredi, di padre-padrone prese sembianze e, con il paese mortificato da prodi invasori, da padreterno finanche
così profferì: Italia rialzati, paragonandola a Lazzaro da tempo in decomposizione!
Nella sacra veste, poi, di Mosè divise l'italica mandria, vero mare in tempesta, su due sponde opposte e, da buon pastore, indirizzò il suo gregge.
Io, dall'alto delle mie ispirate vedute con queste scritture, lo vedo persino vestire i panni del biblico Noè con il gravoso compito di traghettare sulla nostra meravigliosa arca, magico stivale adagiato in acque chete, il mondo intero nell'era della pace.
In ogni luogo imperante con lungimiranti vedute, in politica illuse solo la rossa, ma poi

con chiari fini e senza casini
portò in parlamento tante belle donne
consegnando la nostra Italia in mano
a belle ragazze, anche all'altezza,
perfino morale, splendide bellezze
e quindi vere miss Italia.

Con il campo libero da ogni avversario, si ritrovò solo con un innocuo Grillo parlante per di più senza voce, con un tal Veltroni sempre più assente, di poi fuggente, senza per niente considerare un Di Pietro solo e sempre urlante, ma tanto più perdente, messo alle corde e disinnescato di ogni mordente.
Con tanti personaggi per niente affidabili ben volentieri farebbe merce di scambio, a proprio uso e consumo, ma poi non sapendo più cosa farsene li butterebbe o meglio li cestinerebbe.

123

0
3 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 03/04/2014 14:30
    Tu chiaramente appartieni alla categoria umana di coloro che lo schifano... ma, vedi, più si parla delle sue schifezze, più io mi vergogno da morire per tutti i nostri cari Italiani -e soprattutto le care Italiane, perfino anzianotte- che ancora lo applaudono, ancora in lui ripongono tutti i loro... sogni più belli!!!!!!!!
  • Rocco Michele LETTINI il 03/04/2014 08:21
    Da la diligente ironia... un poema quotidiano che nulla tralascia a le sporche gesta del Silvio Italiano... ENCOMIABILE COME SEMPRE FRANCESCO. SERENA GIORNATA

3 commenti:

  • Anonimo il 05/04/2014 09:54
    ... Ora hanno ridimensionato anche la gravità del processo!!! A spaventarmi davvero, è sempre più, non tanto il male invitante, materialmente comodo, quanto le... connessioni che sempre più sostituiscono le reazioni!
  • Francesco Andrea Maiello il 05/04/2014 08:47
    Questa scrittura del 2009 (quella folta schiera di inutili politici li metterebbe sul mercato come materiale di compravendita!) presagisce la compravendita di parlamentari (processo De Gregorio)!
  • loretta margherita citarei il 03/04/2014 16:16
    molto ironico apprezzato

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0