PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Perche sono ancora vivo..?

Ed io ci speravo, ci credevo, ne ero sicuro.
Era al quanto strano vivere di sola caccia, se andava bene, mangiavi
se andava male, morivi di fame.
Non era la vita che avevo immaginato, ma sapete
ogni cosa ha un suo corso, un suo evento, una sua forma.
Ero di ritorno con il mio gruppo, Nick, Marie e Tony.
Avevamo appena lasciato la cittadina di Clarkville, per trovarci un vero rifugio
qualcosa che ci tenesse al sicuro da quei putridi che ogni tanto ci assalivano.
Sì, ogni tanto. Non erano così pericolosi presi a singolo, ma in gruppo
era tutto un'altra storia.
Nick, conosceva un posto appena fuori Clarkville, era una fattoria di un suo amico
disse che lì eravamo al sicuro, e che putridi non potevano avvicinarsi alla casa
se non prima di aver superato il fiume.
Disse che la fattoria si trovava in mezzo ad un lago ed era un posto ideale per stare al sicuro da loro.
Tony, il più anziano di noi, disse che se i putridi avessero oltrepassato il ponte, per noi sarebbe stata la fine, perchè saremmo rimasti in trappolati tra i putridi e l'acqua.
Nick, spiegò a Tony che i genitori del suo amico avevano una barca che ogni tanto usavano per pescare.
La discussione andò avanti per parecchio, mentre io ero seduto ad ascoltarli, ma Marie sembrava fregarsene.
Per lei ogni posto era uguale, ogni posto era indifendibile, aveva perso la speranza ormai da un pezzo, e questa cosa non mi piaceva affatto.
Nick e Tony, sapevano bene che Marie stava passando un brutto periodo.
Dopo la morte di suo fratello James, non era più la stessa
si incolpava della sua morte, diceva che poteva salvarlo, ma non era così.
James, era un debole, ogni qual volta che apparivano i putridi da lontano, scappava via, e ogni volta dovevamo cercarlo, rischiando di farci uccidere.
Aveva 14 anni e potevamo capire bene la sua paura, ma non aveva senso fuggire ogni volta, anche se i putridi si trovavano a 200 metri da noi.
Così un giorno, James si allontanò dal gruppo per trovare cibo, anche se Nick gli aveva ordinato chiaramente di non allontanarsi.
Quando ci rendemmo conto che James era scomparso dal rifugio, era ormai troppo tardi.
Marie, trovò il suo corpo fatto a pezzi. Uccise i 3 putridi che lo stavano divorando, ancora oggi ricordo bene quella scena.
Marie si accanì contro l'ultimo putrido, fracassandogli il cranio, finchè non ne rimase nulla.
Tony tentò di fermarla, ma lo ferì su un braccio, quando Marie si rese conto di aver ferito Tony, scoppiò in lacrime accasciandosi vicino al fratello, incolpandosi di averlo lasciato da solo.

12

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti: