username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Petit fleur

Chissà perché infilò la stretta scala che portava in soffitta.
Non le piaceva quel luogo pieno di cose inutili, polverose, buttate a caso.
Quel giorno invece sentì forte il bisogno di entrarvi, di guardare, di ritrovare il suo passato, di farsi mordere dai ricordi.
Mucchi di giornali ingialliti, scatoloni con vecchi libri di scuola, la carrozzina dei suoi figli, scarpe sparse qua e là...
Su di una cassapanca impolverata il giradischi a valigetta Europhon di color verdino spento, e vicino la pila dei dischi in una busta di plastica.
Scese le scale, spolverò il giradischi, alzò il coperchio, attaccò la spina, fece scattare il braccio e il piatto partì.
Funzionava.
Il loro disco... cercò nella pila... finalmente lo trovò.
. Le note del pezzo si diffusero nella la stanza: Petite fleur di Sidney Bechet
. Il suono triste e malinconico, a tratti struggente, la prese, e le parve di trovarsi ancora fra le braccia del suo Stefano.
Chiuse gli occhi.
Sentì il suo strano odore di mandorle amare, il suo calore, la guancia che premeva sulla sua.
Il ricordo si fece intenso, acuto, le note evocavano momenti indimenticabili di gioia e spensieratezza... poi il distacco improvviso, doloroso, amaro.
Il pezzò finì, il braccio a fine corsa fece un secco clic e il disco si arrestò.
Una folata di vento gonfiò la tenda che andò a lambirle il viso, quasi una carezza dolce...

 

0
0 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • salvatore maurici il 14/04/2014 22:26
    La nostalgia, il senso di solitudine e la voglia di vivere comunque un momentaccio portano spesso ognuno di noi verso la propria soffitta; un angolo buio della nostra mente dove per anni abbiamo accatastato episodi importanti della nostra vita e che erano stati accantonati sotto l'ebbrezza delle novità, delle bollicine dello spumantino. Fortunatamente ci sono i momenti di crisi e quelli ci fanno capire quale sono i fatti saliente della nostra vita e quali invece da buttare in un cestino.

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0