accedi   |   crea nuovo account

Guarda fuori

È qui che sei nato e cresciuto,
in questo palazzo grigio e fatiscente di una periferia sopita
nella nebbia.

L'aiuola disordinata ti ricorda l'infanzia appena passata.
Sei venuto su come un fungo, tra le muffe, in questo sottobosco
industriale e distratto, tra l'indifferenza di un padre assente,
anestetizzato di tv, che ha fatto dell'omertà una regola di vita.

Tua madre è un ombra da sconfiggere che si aggira per casa,
sempre pronta a dispensare buoni consigli al momento
giusto ma...

- "Dov'eri quando urlavo e vagavo nelle tenebre!"

Si dov'era, quando avevi bisogno della sua mano ed
un po' di affetto.
Parlare è inutile! Parlare è impossibile in questa
casa...

- "Ultimo pezzo della mia vita in cancrena!"

Guarda fuori, vedrai la gente che vive.
Guarda fuori, sentirai che l'aria è fredda e pungente,
ed un brivido correrà sulla tua pelle.
Guarda fuori, lascia correre lo sguardo, la dove l'azzurro
si mescola con il verde.
Guarda fuori ti prego, ci sono albe e tramonti, c'è vita da vivere,
ci sono emozioni semplici e fortissime.
Guarda fuori e senti la vita attraverso l'amore, le delusioni,
i traguardi raggiunti.
Guarda fuori!!!

- "Lo so è difficile!"

Guarda fuori e dimmi...
Non vale la pena di provarci ancora?

 

2
9 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 02/12/2012 07:47
    ... molto discorsiva ma
    pregnante, complimenti...

9 commenti:

  • Anonimo il 13/02/2011 19:23
    Che un musicista sia spesso infantile la trovo una cosa priva di fondamento.
    Mi è piaciuto il racconto.

    Suz
  • afryka *°*° il 05/02/2010 21:57
    ti ho sentito.
    mi ha coinvolto l'anima! davvero bravo
  • Rocco Burtone il 09/07/2009 15:10
    Un musicista (bassista?) è spesso infantile, così il tuo racconto.
  • Anonimo il 02/11/2007 21:04
    nonostante la pesantezza di certi momenti, nonostante la solitudine e i giorni in cui nn riesco quasi a respirare senza piangere penso che anche solo per guardare il cielo e la notte che lo vela valga sempre la pena... vivere, stupirsi e impazzire. nn mollare. un abbraccio.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0