PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

L'ex principe azzurro (squilibri emotivi 3)

... Allorché io gli risposi: " Certo che detto con 'sto tono!"


"Perché? Che tono?"

"Con un tono del tipo: E buon natale... che 'du palle!"


Lui si mise a ridacchiare (sorriso magnifico) e rispose: " Beh in un certo senso due palle sì! Visto che ho appena passato il giorno di Natale con i miei nonni a Sondrio... e io non amo molto i paesini di montagna..."

"Sei di Milano, vero?"


Ovviamente ci avevo preso. Inoltre, come lo capivo! Mi sentivo già tremendamente in sintonia con lui. Mi disse che si chiamava Sirio. Aveva la mia età (allora ne avevo "solo" venticinque). Mi disse di essere un giovane contabile e che in fin dei conti non trovava così entusiasmante nemmeno la vita di Milano. Inoltre mi disse che per quella serata aveva il seguente programma: fare rientro nel suo appartamento nei pressi di Porta Romana; una volta lì farsi una doccia al volo, una dormita anch'essa veloce, per poi scendere in pista al "Toilette" per una gay disco festa.

Poi mi chiese un po' di me. Io in quel periodo stavo facendo il tirocinio OSS presso il reparto di medicina all'ospedale di Sondrio. Lui mi chiese cosa avessi avuto intenzione di fare dopo.

Io gli risposi che mi sarebbe piaciuto lavorare in qualche struttura ospedaliera del vicino lago. "Tipo Lecco?" mi domandò lui. Facendomi chiaramente capire che mai e poi mai avrebbe preso in considerazione come risposta un'altra piccola insignificante cittadina sul lago. Almeno Lecco è una, seppur piccola, città!

La verità è che io non ho la più pallida idea di cosa mi sarebbe piaciuto fare dopo.

E intanto nella mia testolina continuavo a dirmi che era un segno del destino o una coincidenza che entrambi avessimo preso quello stesso treno. Voglio dire, lui mi diceva che era stato un caso che avesse preso proprio quel treno. Voleva "svignarsela" prima, ma i nonni... e devo ammettere che io molto malignamente, successivamente, ho sperato in qualche "malore" di questi nonni che spingesse il bel Sirio dalle mie latitudini...

Poi c'è il fatto che io ho un vero e proprio istinto "suicida" in queste cose. Ovvero per distruggere il destino e tutto 'ste genere di minchiate. Come se in fondo fossi intimamente convinto di non meritarmi nulla, soprattutto le cose belle e casuali che possono accadere nella vita di ognuno di noi.

12

1
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0