accedi   |   crea nuovo account

Improvvisi luccichii nel buio del mio pensiero

Succede ogni giorno che milioni di persone prendano un metrò affollatissimo di una megalopoli americana o asiatica per andare a lavoro. Scommetto che il vostro immaginario non riesce a non pensare a quello di New York o a quello crea-ansietà di Tokyo con i suoi "spingitori". Ma non è questo il punto. Ricordate quelle bocce di vetro di quei vecchi giochi per bimbi dove quando inserivi una moneta e giravi una scomodissima leva in senso orario di 180 gradi, vincevi una bellissima biglia colorata? Immaginate che quella macchinetta si spacchi all'improvviso per far cadere in maniera assolutamente violenta e fragorosa tutte le biglie colorate per terra: questo è quello a cui penso quando immagino questi metrò al mattino presto.
Mentre le biglie rimbalzano sgradevolmente nella mia mente, non posso non pensare agli improbabili incroci di pensieri che queste persone-biglia macinano continuamente, probabilmente fissando il vuoto di un vagone pieno o qualche ridicolo dettaglio di un ombrello curiosamente portato da un'altra persona-biglia in una radiosa mattinata. Le porte si aprono rivelando la temperatura d stagione, altrimenti incellofanata da quei logori finestrini inquinati.
Essendo ancora inizio febbraio, le circa 100 milioni di corse dei metrò effettuate in Giappone non avranno statisticamente effettuato ancora un solo ritardo: a guardare i numeri la cosa dovrebbe accadere nell'arco di 15 giorni; ma non è nemmeno questo il punto. Come ogni anno tutte le società nipponiche che si occupano della mobilità metropolitana invieranno una mail o una lettera di scuse per i ritardi ai milioni di abbonati sparsi in ogni dove nello splendido paese del Sol Levante: un altro pianeta, ragazzi. Non è ancora il punto.
Luke, un ottimo chef americano di 36 anni svezzato in cucine top di Paesi anglofoni a colpi di cucine high-profile e molecolari, sta dirigendo un ristorante very busy della Parigi che conta, dove l'alta cucina fusion incontra il servizio rapido e indolore dei business men il cui unico scopo è quello di nutrire inconsapevolmente bene un corpo oramai svuotato di molto. La sua preoccupazione più grande è quella legata alla conversione dei gradi centigradi e delle misure di quantità per rendere le sue ricette il più possibile come lui le conosce dopo lunghi e faticosi collaudi. Ha il mestiere in mano e non teme,
ma il punto non è nemmeno questo.
Il punto non è che sono stato un po' Luke, un po' tutto e un po' niente.
Adesso sono qui, su questa panca in legno sul lungomare di Arbroath, ad occhi chiusi per un riverbero solare davvero crudele, e per di più a spalle strette per via di questa pungente aria tremendamente nordica a cui nemmeno gli scozzesi porgono l'altra guancia.
Io sono ancora qua e penso di rimanervi, seppur anche nel mese di febbraio tradirò il faro alla volta dell'isola di smeraldo: l'Irlanda.
Non piangere, piccola casetta luminosa in mezzo al mare; vado via ma ritornerò da te tra circa un mese. Devo assentarmi, lo faccio per aiutare degli amici che hanno chiesto il mio aiuto professionale.
Il mio sentimento per te, faro, non cambierà di una virgola; anzi, è probabile che fortifichi. Scrivo di te al mondo stando qui e scriverò del mondo a te standoti lontano: insomma creeremo quella magia e tu la chiamerai come vorrai.
La passione mi costringe a muovermi così, null'altro.
Per adesso è più di un'amicizia, Bell Rock, ma non so se sia amore. Meglio non teorizzare e comportarsi come adulti: in fondo hai più di duecento anni, e quando anche io mi dovrò arrendere di fronte all'ultimo ostacolo, tu continuerai la tua corsa ancora per molto.

12

0
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 12/04/2014 17:46
    Non ci sono commenti... Questo racconto, quanti ne meriterebbe! Quanto difficile è, oggi, la vita di tanti... mentre pochi se la stragodono alla faccia loro e sulla pelle loro... Ma per nemmeno uno di questi disonesti godimenti vorrei avere il loro vuoto di coscienza...

1 commenti:

  • Andrea il 12/04/2014 23:10
    grazie per l'attenzione che mi hai dedicato vera

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0