PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Dante, Einstein e il criceto

Negli anni '70 andava di moda il criceto, un topolino bianco dai denti aguzzi che mangiava i semi di girasole. La sua attività principale era quella di correre a perdifiato in una ruota fissata alla piccola gabbia che gli permetteva corse lunghissime pur rimanendo confinato nella piccola gabbietta.
Il criceto applicava, senza saperlo l'intuizione di Einstein sulla forma dell'universo.
Per capire, consideriamo il seguente problema: se camminiamo sulla Terra sempre nella stessa direzione, dove arriviamo? Incontriamo il bordo della Terra? No. Arriviamo in paesi sempre nuovi all'infinito? Neppure.
Come ben sappiamo, dopo avere fatto il giro della Terra, torniamo al punto di partenza. Un'idea difficile da digerire per gli antichi, e che fa ancora ridere i bambini alle elementari, ma alla quale abbiamo finito per abituarci, e trovare ragionevole e applicabile all'universo considerando una quarta dimensione.
Ora si scopre che anche nella divina commedia Dante aveva anticipato di qualche secolo l'idea.
Nel paradiso Dante guarda e ha la visione di un punto di luce circondato da nove immense sfere di angeli. Dove stanno questo punto di luce e le sfere angeliche, che sono fuori dall'Universo? Dante lo descrive così: "questa altra parte dell'Universo d'un cerchio "lui comprende, sì come questo li altri". E nel canto successivo: "parendo inchiuso da quel ch'elli 'nchiude".
Il punto di luce e le sfere di angeli circondano l'Universo e insieme sono circondati dall'Universo. Che significa?
La fantasia poetica ha forse anticipato di sei secoli una geniale intuizione di Einstein sulla forma che il nostro universo potrebbe avere.
Certo che anche la fantascienza ne ha, nel tempo, tenuto conto. Ricordate " Il pianeta delle scimmie"? Oppure "Spazio 1999", dove, dopo il vagare nell'universo si torna, nel telefilm, in orbita terrestre, e nel film sulla terra addirittura?
Tutto però comincia da Dante, Einstein e... il criceto!

 

1
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Anonimo il 20/08/2014 15:01
    Geniale... piaciuto molto ed approvato alla grande... la fantasia del poeta, del vate, che supera o anticipa la scienza... mica poco... e il criceto? chissà se si rende conto di essere un genio... molto ben scritto, Glauco... ciaociao.
  • Chira il 21/05/2014 12:59
    Bellissimo narrare! Si che ricordo "il pianeta delle scimmie"... l'uomo dallo spazio si ritrova su una terra distrutta e tutto è successo durante quel viaggio che per loro era stato come senza senza tempo. L'altra dimensione affascina col suo mistero.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0