accedi   |   crea nuovo account

C'era una volta il primo di maggio

Chi non lavora non fa l'amore-cantavano molti anni fa Celentano e Claudia Mori, ma la situazione di allora era diversa, a quei tempi il lavoro c'era. Ricordo che molto si scioperava,( i sindacati erano seri, non come adesso ) per ottenere dei diritti, poichè ai lavoratori fin allora spettavano solo doveri onerosi, diritti che acquisiti con lotte di classe che col passare del tempo, con il fenomeno berlusconiano poi, sono andati a scemare sempre di più. Ricordo che noi ragazzi della sinistra venivamo chiamati -i ragazzi con l'eskimo- causa uno strano pastrano che portavano e ci credevamo a quegli ideali di giustizia, di uguaglianza sociale, perchè almeno noi avevamo degli ideali, così come lo aveva il PCI, partito con a capo Berlinguer... dopo la sua morte è cominciato il declino del partito, hanno preso potere alcuni personaggi che per lungo tempo hanno vissuto di rendita, avendo il consenso del popolo operaio che credeva che il partito fosse a loro difesa... fin quando i cari compagni si son messi a far gli imprenditori, l'odore dei soldi piace a tutti e anno dopo anno siamo arrivati a questo declino odierno. Personalmente presi le distanze dal partito nel 77, a 20 anni, lessi "arcipelago gulak" e capii che il comunismo dal volto umano, il comunismo della libertà era una presa per il culo... e oggi, scandalo dopo scandalo, ruberia dopo ruberia da entrambe le parti, destra e sinistra, ecco dove siamo arrivati... il primo maggio che era una festa sentita è diventata la festa della disoccupazione e noi che riusciamo ancora ad avere un posto di lavoro dobbiamo stare sempre con le orecchie dritte, è facile perdere il lavoro, è facile trovarsi nella merda da un giorno all'altro. Molti ancora sono costretti a mantenersi i figli che non trovano nulla, il lavoro una chimera... metter su famiglia non possono, anzi vi sono milioni di casi dove genitori debbono sostenere
anche la famiglia che il figlio s'era formata a causa della perdita del lavoro.. Quindi mi sento presa per i fondelli quando l"'amato"-ma da chi?- presidente Napolitano fa dichiarazioni come quella fatta oggi. Sono stanca e disgustata.

 

2
4 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 02/05/2014 17:23
    Hai fatto bene a pubblicarlo Lor, che i giovani d'oggi, sappiano che cosa rappresentava il primo maggio di allora.
    Bravissima.
  • Anonimo il 01/05/2014 20:17
    Già, una volta si cantava che chi non lavora non fa l'amore, ma era una provocazione verso quelli che non avevano voglia di lavorare, perché il lavoro c'era.
    Oggi la frase è la stessa, ma il significato è diverso, perché il lavoro non si trova e allora, chi non ce l'ha, è talmente angosciato che perde persino la voglia di fare l'amore.
    Ma tanto che importa ai nostri cari politici? essi si sono arricchiti grazie alla immaturità nostra che abbiamo dato loro una delega in bianco su tutto. E così sono diventati i nostri padroni e noi loro pecoroni.
  • Rocco Michele LETTINI il 01/05/2014 18:38
    C'era una volta... e si festeggiava...
    Oggi solo... una piazza, con volti segnati dalla disperazione...
    UN ACUTO CHE DOVEROSAMENTE SOTTOLINEA QUESTO ITO GIORNO... IL MIO ENCOMIO LORY...
  • Vincenzo Capitanucci il 01/05/2014 16:31
    C'era una volta la festa del primo maggio... oggi è più un lutto... che una festa.. siamo tornati quasi in un ambiente medioevale...

4 commenti:

  • Vincenzo Capitanucci il 01/05/2014 17:16
    Ogni ideologia che elimina un suo dissidente..è una dittatura... questo in tutti i campi... politici o ecclesiastici... l'uomo pur di mantenere il proprio potere... e imporre il suo pensiero è pronto a compiere... qualsiasi abominio... almeno è questo che ci ha insegnato la storia...
  • Bruna il 01/05/2014 17:14
    Una volta vivevamo di lavoro, di ideali e di speranze ora di tutto questo non è rimasto. Parole, parole e il vuoto
  • Fabio Mancini il 01/05/2014 17:07
    Non so l'Amato cosa abbia detto, ma per il resto condivido tutto. Anch'io portavo l'eschimo, pur non essendo di sinistra. Hai tirato fuori un bel ricordo. Un sorriso, Fabio.
  • Anonimo il 01/05/2014 16:42
    i lavoratori so finiti... hai ragione lor C'era una volta... bellissima e sentita lirica tvb

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0