accedi   |   crea nuovo account

Giornata di maggio

Era una splendida giornata! La primavera aveva tinto la campagna piemontese di verde brillante e alberi in fiore. L'aria era leggera e profumata. Decisi di non prendere l'auto, pochi chilometri a piedi per godermi il paesaggio. Ma camminando sul bordo della strada, ebbi una spiacevole sorpresa; uno SPREGIO! Espresso in bottiglie di plastica, lattine, sacchetti, pannolini da neonato, scarpe, preservativi, siringhe, ecc.. ecc.. Ora, quella strada e' percorsa quotidianamente da "gente comune" ; lavoratori, operai e professionisti, casalinghe, famiglie. Si recano in fabbrica, in ufficio, al centro commerciale, al cinema, in pizzeria, in discoteca ecc.. ecc.. Mi chiedo: come possiamo sperare che il nostro paese, la nostra bella Italia, continui ad essere il giardino del mondo? Come possiamo dare senso al valore di questo giorno, primo maggio, in cui si commemora il sacrificio compiuto da uomini che hanno dato la vita per i diritti valsi a migliorare la condizione sociale dei lavoratori? Che se ne fa l'Italiano di tutto questo? Lo lancia dal finestrino.
( piccolo ritaglio dell'Italia e degli Italiani)

 

3
4 commenti     6 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

6 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • frivolous b. il 17/05/2014 14:20
    quanto hai ragione! condivido tutto e per tutto anche la descrizione sui paesaggi piemontesi!
  • Vincenzo Capitanucci il 07/05/2014 05:51
    un bel degrado... e molti comuni fanno veramente poco... qui a Viareggio è stata una mia amica a lanciare su FB... l'idea a cittadini privati... di pulire la pineta che è in centro città... perché era di una porcizia indecente...
  • Anonimo il 02/05/2014 17:47
    Sono d'accordo con te Teresa. Le battaglie che sono state fatte in passato, da coloro che hanno dato la vita per far valere i propri diritti sul lavoro e altro sono state inutili. Che tristezza... povera Italia.
  • Caterina Russotti il 02/05/2014 12:29
    Purtroppo in italia succede anche questo... Ora siamo multietnici e non mi sento di dar la colpa a nessuno... italiano o straniero che sia... Certo è che così si rovina il bellissimo patrimonio naturale per il quale l'Italia è famosa. Peccato! Bella considerazione.
  • Anonimo il 02/05/2014 12:28
    Due considerazioni mi vengono in mente. La prima riguardo alla sciatteria, alla inciviltà, all'individualismo esasperato di chi guarda e vive la realtà in funzione del proprio naso. E questo non ha limiti, da nord a sud, con punte più o meno accentuate.
    La seconda, che c'entra col tema del primo maggio, mette in evidenza l'indifferenza e l'egoismo di chi, parlo di politici, sindacati e compagnucci loro, hanno reso l'Italia un deserto pieno di macerie e di schifezze, rendendola invivibile e simile più ad una discarica che a quel giardino pensile che ci hanno, da sempre, invidiato i grandi del passato.
    Due considerazioni che si sposano perfettamente, l'un l'altra e contribuiscono a fare della nostra Italia, quello che forse qualcuno sperava che diventasse.
  • Rocco Michele LETTINI il 02/05/2014 05:59
    Dalla carta d'identità dell'italiano...
    Segno particolare: INCIVILE.
    UNA CONSIDERAZIONE ALTAMENTE ESPRESSA... IL MIO ELOGIO TERESA... GIOIOSA GIORNATA.

4 commenti:

  • Teresa Pisano il 02/05/2014 06:04
    Io ne sono orgogliosa quando ammiro la bellezza del nostro paese, lo stile architettonico, il paesaggio meraviglioso, cosi' come sono orgogliosa di essre conterranea di tante belle persone che vivono in questo paese, ma proprio questo sentimento mi fa essere severa nei confronti di chi, con estrema incuranza, ne deturpa l'immagine.
  • loretta margherita citarei il 02/05/2014 04:29
    in un parco, scusa il refuso
  • loretta margherita citarei il 02/05/2014 04:28
    lavoro in un paco cittadino, puoi immaginare cosa vedo, persino i sacchi dell'immondizia di casa, messi nei trespoli del parco
  • Ellebi il 02/05/2014 01:08
    Già, e non è la cosa peggiore. Tuttavia, ugualmente sono contento di essere italiano e di stare in questo Paese. Un saluto