accedi   |   crea nuovo account

Mastro Scialanca

Una volta, tanto tempo fa, c'era un bravo muratore, da tutti, chiamato Mastro Scialanca. Per dirla tutta e per raccontarvela in breve, senza annoiarvi, vado subito al sodo. Bravo nella costruzione dei forni e nel bere vino, curava con passione la sua arte. Sappiate, cari amici, che codesta arte non era cosa da poco, anzi, oserei dire arte difficile, quasi... quanto governare una nazione come la nostra. Nella valle del Garigliano c'erano tante masserie ed ognuna di esse aveva il suo bravo forno. I comignoli fumavano e le massaie, dopo aver impastato e fatto lievitare la farina, la ponevano, sotto forma di pani, sul letto di mattoni arroventati. Il buon odore del pane induceva al sorriso. Durante le feste comandate, biscotti, panettoni, pastiere e pizze dolci risarcivano dalle angustie del duro lavoro e dalla mancanza di una equilibrata e sana alimentazione. Profumi di odori e sapori che quelle ardenti miniere sapevano regalarci. Tempi belli, cari lettori, anche se eravamo tutti poveri. Non proprio tutti, ma quasi. Si scassavano carri e carretti, ma i forni costruiti da Mastro Scialanca resistevano ai venti impetuosi ed anche agli eventi estremi, tipo terremoti.. Il segreto del suo successo era dovuto, semplicemente, alla sua abilità nel coordinare i rossi mattoncini dall'interno del forno e una volta rimasto il pertugio per saltare fuori, chiuderlo dall'esterno. Più facile a dire che a farsi, ma proprio per questo, a lui non mancava mai lavoro. I suoi forni, veri igloo d'argilla, ancora oggi, costituiscono meraviglia delle meraviglie. Per ogni nuovo forno inaugurato, la sera, si solea far festa e al suono di pentole e grancasse, schiamazzavamo e giù pacche sulle spalle, anche, tra creditori e debitori. Danzando, le donne, mostravano le caviglie e in tali gesti, tutto un mondo nascosto. Quello che si faceva la notte, non lo diciamo, ma la mattina non si vedevano musi lunghi in giro. Lavorava bene, Mastro Scialanca, ed aspettava il momento giusto per essere pagato, senza angosciare i suoi committenti. A volte lo pagavano con il grano e a volte con gli agnelli, in qualche circostanza con le castagne o con qualche maialetto, ma a lui stava tutto bene. Mai proteste o solleciti per il dovutogli. Che dicevi, Costanza? Ah, sì... che un uomo di tal fatta era un santo? Assolutamente no, era... bah, continua a sentire e poi mi farai sapere. Donna Eleonora, padrona del più bel cascinale del vicinato, lo chiamò per farsi costruire un forno a regola d'arte. Va da sé, che Mastro Scialanca accettò e va da sé che di buon mattino si mise all'opera. Sistemò la base, il boccaglio e la prima fila circolare dei mattoni refrattari. Dall'interno, alzò i tre quarti della cupola e... e bevve, complice la sete, qualche bicchiere di troppo. Il pertugio era piccolo e non gli dava la possibilità di balzare all'esterno. Come un politico navigato, a mali estremi, estremi rimedi."Donna Eleonora, io ho quasi finito, datemi subito il compenso pattuito.""Eh, quanta fretta, prima di andar via, vi darò il dovuto.""No, no, voglio subito i soldi, altrimenti scasso tutto.""Va bene, vado su a prenderli, cinque minuti.""Donna Eleonora, adesso, oppure scasso.""Ma non ce li ho in tasca." Mastro Scialanca si alzò in piedi, distruggendo il capolavoro mancato. Non vorrei che l'arte della politica imitasse l'arte del costruttore di forni.

 

3
6 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Caterina Russotti il 02/05/2014 12:37
    Bellissimo racconto... Per un attimo avrei voluto tornare indietro nel tempo quando si faceva qualcosa che desse un valore ed un senso alla vita e che gli sforzi non venivano vanificati, ma apprezzati.. Ora invece non esiste più cortesia e si fa solo per profitto personale o per distruggere quanto di più bello c'è ... Racconto che ho molto apprezzato.

6 commenti:

  • Anonimo il 22/08/2014 10:55
    Perfetto... oggi pomeriggio staò via alcune ore ma prima di sera me li gusto... lo so già...è una goduria disporre di roba buona, su questo sito... grande... ciaociao.
  • oissela il 22/08/2014 10:43
    Grazie per il passaggio e per il gradito commento. Ho inviato il nr. 3 e il nr. 4 della Pietra, ma non li vedo ancora pubblicati.
    Ti anticipo che, a mio parere, non sono da buttare e che entrerà in ballo un tipo di prosa particolare. Ciao.
    Alessio
  • Anonimo il 22/08/2014 06:52
    Girovagando per leggere qualcosa di buono eccomi qui... con te si va sul sicuro. Bella parabola, efficace... e molto ben narrata... davvero un'arte la costruzione del forno... da quel che ho capito lui li costruva dall'interno?... un metodo che non conoscevo... probabilmente ersno forni grandi. Mi ci sono messo pure io a studiare i vari metodi di costruzione: c'è da sbalordire su quanta sia la fantasia e l'abilità degli artigiani muratori... un bel leggere... ciaociao
  • loretta margherita citarei il 02/05/2014 17:23
    molto bello, piaciutissimo
  • oissela il 02/05/2014 12:39
    Tra me e il computer è una lotta senza esclusione di colpi proibiti.
    Grazie per la segnalazione che mi ha permesso di risistemare il brano.
    Ciao.
    Oissela
  • Ellebi il 02/05/2014 01:00
    Naturalmente ottima parabola e anch'io non vorrei che l'arte della politica imitasse Mastro Scialanca, anche se ci sono indizi (alcuni) che destano qualche sospetto e più di un'apprensione. Non capisco perchè vai a capo senza motivo, sospetto che non sia per tua volontà. Un saluto

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0