accedi   |   crea nuovo account

La filosofia del nuovo millennio (era spirituale/ultrapallio)

Meglio l'essenza (Parmenide/essere in sé, Socrate/gnothi sautòn) per la speranza (divina misericordia) che l'esistenza (Platone/essere da, Eraclito/divenire) per la sostanza (carta moneta)!

Questo aforisma filosofico introduce la nuova era spirituale (profezia Maya rivelata a Maiello e... verranno i tempi belli!) che anticipai con le mie scritture, inventandomi la cellula primordiale (pensiero, amore e coscienza), con relativo sistema spirituale, dallo studio della filosofia dei Grandi (Socrate/coscienza, Platone/amore e Aristotele/pensiero).
Ancor prima c'era stata la diatriba tra l'essere di Parmenide e il divenire di Eraclito, con il primo (il padre della ragione) ad anticipare il Motore immobile di Aristotele (verum scire est scire per causas, ogni divenire ha la sua causa fino al Primum movens), mentre il filosofo del panta rei coglie nel segno con l'evoluzione della specie umana dal buio della materia grigia (sistema nervoso) alla luce della corteccia illuminata (sistema spirituale)... e dalla polvere della terra l'uomo divenne un'anima vivente!
Eraclito, l'oscuro (per Socrate) ma brillante fabbro di aforismi, fu anche il primo filosofo a coniare il concetto di anima (psichè) come dimensione diversa dal corpo (soma): "I confini dell'anima non li potrai mai trovare, per quanto tu percorra le sue vie; così profondo è il suo logos (ragione)".
Adesso se Cartesio, facendo sua la frase di Parmenide "lo stesso è pensare ed essere" (la ragione, e non l'occhio-i sensi, vedono il vero), coniò il "cogito ergo sum" (certezza dell'esistenza terrena) ad introdurre la filosofia moderna, per quanto mi riguarda da tempo sulle tracce del Logos eracliteo (Mente Suprema) mi sono inventato il motto "amo e sempre sarò" (certezza dell'esistenza eterna) e nel rincorrere a perdifiato questa fantomatica anima, grazie alla cellula e al sistema spirituale, alla fine per davvero me la sono ritrovata.
Sta di fatto, però, che di questi tempi la filosofia, con l'ingravescente regresso culturale, non rappresenta più la disciplina d'élite per "amore del sapere" ma è quella cosa con la quale e senza la quale si rimane tale e quale, anzi finanche si peggiora se la famiglia è allo sbando, la scuola è obsoleta, la religione è divisa in gruppi e sottogruppi, la politica è marcia (comandano i ras, tipo Grillo e Berlusconi, mentre nel calcio gli ultras!) e, i mass media, infine, sono per i vip (Balotelli) e gli scoop (la Fico).
Allora, da provetto medico di famiglia (seppur oberato da insulsi riepiloghi mensili e da insipienti schede di fragilità... mentale, frutto di qualche mente insana!), ho cominciato da solo e a mie spese (i libri mi costano!) a fare "medicina educativa" per combattere l'ignoranza del giorno d'oggi che, con malattie batteriche e virali sotto controllo, rappresenta il morbo più devastante e contagioso.
Questa disciplina, partendo dall'educazione sanitaria (mangiar poco e camminare tanto illumina la mente!), si fonda su una filosofia spicciola alla portata di tutti e chiama in soccorso soprattutto la fede (la coscienza morale dentro di me/Kant, la luce della fede sopra di me/Maiello) alla cui luce, checché ne dicano i sapientoni, la scienza diventa sapienza ed io, professori di rilievo a parte (studi classici), ho avuto la fortuna di un padre gran maestro di morale, nonostante la 5a elementare.

1234567

1
2 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 08/05/2014 12:07
    Un trattato filosofico che approfondisce il passato ed il presente e che mi riporta i primi "dolori" di una materia che forse avrei dovuto curare meglio perché mi avrebbe sicuramente fortificato l'anima. Quell'anima che Eraclito ha scrutato a fondo e che mi aveva indicato in quel suo divenire che rappresentava l'aspetto macroscopico dell'universo!
  • Rocco Michele LETTINI il 08/05/2014 09:42
    Un trattato da scorrere attentamente per capire quanto di vero e di essenziale hai saputo trasmettere, vuoi per la tua professionalità, vuoi per la tua esperienza maturata tra gli alti e bassi del quotidiano corso... TUTTO IN ELOQUENTI OSSERVAZIONI... IL MIO ELOGIO FRANCESCO...

2 commenti:

  • Francesco Andrea Maiello il 08/05/2014 16:39
    Ringrazio tutti gli amici per la... lunga lettura! X Michele (il vissuto vale più del saputo!) X Vincenzo (tra invenzioni e voli divago con la mente!) X Salvatore (Eraclito sbagliò solo a non fidarsi dei medici e morì... coperto di sterco e sbranato dai suoi cani!)
  • Vincenzo Capitanucci il 08/05/2014 11:31
    Inventarsi qualcosa è un po' difficile... la cellula primordiale dell'universo esistenziale...è il sat-chit-ananda... è piacevole leggerti.. nei Tuoi pindarici voli... Francesco..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0