accedi   |   crea nuovo account

Il velo nero

Sapeva, per averlo sperimentato più volte, che si poteva vivere senza porsi troppe domande.
Forse non sarebbe stato un vivere entusiasmante, ma lui non cercava emozioni, e non gl'importava nemmeno di capire il mondo.
Gli bastava sfuggirgli.
In quanti si erano chiesti attorno alla vita, senza risolvere altro che l'essersi domandati cose che la vita non voleva rivelare?
Lui non aveva tempo da perdere in queste sciocchezze, aveva un lavoro importante da portare a termine.
Non ci fosse stato quel velo nero, oscuro e tetro, che opprimeva il suo spirito, sarebbe stato felice di vivere.
Un velo che avvolgeva altri che, come lui, facevano solo il proprio dovere.
— Il rispetto della legge— diceva sempre a chi gli chiedeva della sofferenza del mondo.
— Conta solo il rispetto della legge—
Eppure sapeva che non sempre la legge è voluta dal Cielo.
Il velo nero dal Cielo veniva, ormai non aveva più dubbi, perché se la legge degli uomini può essere elusa...
Il velo non si riesce a squarciarlo.
Ti copre senza proteggerti, ti soffoca l'anima, ti costringe a mentirti e a piangere di nascosto.
Il velo nero è impietoso, come l'abbraccio di un demone.
Pur non domandando mai ognuno sa che il velo non c'era, quando gli occhi si accecarono di luce per essersi aperti la prima volta sul mondo.
Era lì, piegato con ordine, al nostro fianco, pronto per essere svolto alla prima bugia.
Quale volontà ce l'ha consegnato, quale crudeltà ci dà la possibilità di scegliere il velo in un mondo dove la scelta è obbligata?
Chi decide di mentire, decide di coprirsi con quel velo nero.

Tutto l'esistere ne è imprigionato appena si muove di un solo passo, mentre la felicità resta lì, ferma e impietrita, a salutare.

L'uomo cacciò da sé questi angoscianti pensieri, ormai ricorrenti ogni volta che si apprestava a compiere il proprio dovere, e tirò verso di sé la leva dell'alta tensione elettrica.

La vita di uno sconosciuto vibrò per l'ultima volta, contorcendosi in convulsioni simili a quelle che fanno tremare ogni istante di una vita bugiarda, e si spense nel tanfo di carne bruciata.

L'uomo riaprì il circuito, spostando ancora in alto la leva, e si soffermò sul lavoro fatto.

Un velo nero, esattamente come il suo, era stato trasformato in un sudario dalla scarica elettrica della sedia sulla quale era stato steso, un velo nero simile a quello che l'avrebbe accompagnato alla casa dove lo aspettavano i suoi figli.

— Ciao papà, cosa ci hai portato di bello oggi? —

Sapeva che gli sarebbero corsi incontro abbracciandogli le ginocchia, e l'avrebbero fatto senza poter maledire il loro velo nero, prima ancora di conoscere le sue conseguenze.

 

0
0 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Caterina Russotti il 08/05/2014 23:01
    Accidenti... grande lezione di vita in questo tuo racconto... Letto più volte... Con piacere.. Bravo

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0