accedi   |   crea nuovo account

E se fosse vero?

L'amore fra due donne é qualcosa di speciale, é: impetuoso come mare in tempesta, é forte come il volo di un gabbiano, é tenero come il sorriso di un cucciolo d'uomo, é... favoloso... tenero... esagerato... adorabile... originale... unico; l'amore é assordante come il silenzio fra due amanti dopo la lite, é soave come una preghiera. Fra noi la prima volta fu impetuoso, forte, semplice, dolce, fu un tenero sfiorarsi di labbra, fu avvolgente come un respiro.
Ecco ci risiamo la mia mente lo capisce ma il mio corpo si rifiuta di capire, si rifiuta di dimenticare si rifiuta di smettere di amare. E ritorna indietro a quell'ultima sera.
<La stanza é al buio, io guardo la pioggia che batte sul vetro, mi giro Lei é là sul letto di questo mostro di ospedale che non riesce a guarirla "Andrea!" La sua voce mi arriva ovattata, sopraffatta dal ticchettio della pioggia, o chissà forse dalle lacrime che mi solcano il viso "si, cucciola" "Lei mormorava dolcemente parole che non volevo capire il suo pensiero era per me." Il suo viso é leggermente girato verso di me, mi fissa, capisco, vuole dirmi addio.>
Da quando lei é morta mi sento emotivamente vuota, allora mi torna alla mente mio padre che con i suoi baci asciugava le mie lacrime, leniva il mio dolore, addolciva le mie ansie.
Esiste il sesso delle stelle? Si. Spero proprio di si. Spesso volgendo lo sguardo al cielo vedo due stelle che amorevolmente guardano verso di me, sono loro, mio padre e la mia cucciola, loro mi dicevano spesso che mi sarebbero rimasti accanto.

Nelle notti insonne rileggo l'ultima lettera di mio padre.
Mia cara Andrea, figlia mia adorata, spesso mi chiedo che donna diventerai, che vita avrai, chi amerai, come e quando darai una svolta alla tua vita, ma, qualunque strada intraprenderai, so che sarai sempre te stessa e non avrai nessuna remora a dichiarare al mondo la tua omosessualità. Il tuo sguardo sempre curioso e indagatore, mai illusa e superficiale, sempre conscia della tua forza quella forza che ti permetterà di riempire a tuo piacimento la tela della tua vita. Io ho un sogno si un sogno, mio piccolo scricciolo, che tu un giorno possa trovare l'amore della tua vita, trovare la donna che fiera di amarti dica ai suoi amici "questa é la donna che vedrà la mia vecchiaia, questa é la donna che io amo". Ho passeggiato a lungo sul lungo Senna, ho aspettato il calare del sole e in quel momento ho rivissuto il mio primo incontro con tua madre, poi ho deciso di scriverti. Non posso riprendermi il tempo che non ti ho dedicato ma, mia dolce cucciola, posso dirti: grazie per aver condiviso parte della tua vita con me. Quante volte, mettendoti a letto, ho annusato il tuo odore e pronunciavo la solita frase domani parto per... ed ero a casa da appena cinque giorni.
Papà

Grazie papà nella mia vita ci sarai sempre.

123

1
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • fortunato campanile il 16/05/2014 13:27
    Perchè tu sei una donna semplicemente straordinaria... Nessuno a te può insegnarti ad Amare. Sei tu a insegnarlo. E a me lo insegni...
  • andrea piumedoca il 16/05/2014 13:18
    Fo, (anonimo), perché non sono una semplice donna per poterti amare come meriti.
  • Anonimo il 16/05/2014 03:56
    L'Amore fra due donne, diceva più o meno Anais, è speciale perché vissuto alla pari. Con la stessa intensità e con il medesimo trasporto. ... Intitoli "... E se fosse vero" la tua bella lettera, rigata di lacrime ma pregna d'amore e sangue dall'inizio alla fine. Una lettera intensa esattamente come un rapporto d'Amore. Un racconto bellissimo. Un tratto di strada... Io non so se sia vero o meno. Io so soltanto che parla d'Amore dall'inizio alla fine... Io non so se le stelle hanno un sesso, ma so che danzano al vibrare di questi pensieri. E lo fanno insieme. Unica nota stonata è l'appello a quel sassofono... Lascia perdere il suono di un improbabile strumento e in nome di quell'Amore così intenso che sempre ha delineato la tua vita, tieni ben in mente quel "... voglio viverla con te" e fanne vessillo, tesoro mio. La Vita... Una donna così va vissuta al di là di ogni cosa perché tu sei come quei fogli da lettera che si mandano gli innamorati: sei pregna di essenza rara. E una donna così non cagiona dolore!... Tuo padre è una stella che danza perché ha generato una piccola stella in terra. La tua compagna danza con lui, felice di averti, felice di essere dentro di te. Non smorzarla. Morirebbe!... Non smorzarle, queste stelle!!... Andrea, questa non è una lettera, e non è un racconto...è un carme. È un canto alla vita... È come il "Carmina Burana" secondo me: sembra musica terribile a presagire chissà quali tristi presagi... e invece è un inno alla Vita e all'Amore!... E chi è capace di questo, chi è capace di tanto Amore: tu, Andrea, ha il dovere di vivere, a vederlo restituito. La tua compagna, con quelle parole lo faceva. È una richiesta, la sua!!!... Ora vengo un pochino a me; e sottolineando senza mai stancarmi, ancora una volta davanti al mondo come sempre faccio, il fatto che mai smetterò di amarti al di là di ogni impedimento -perchè l'Amore non conosce impedimento- al di la di ogni definizione dell'Amore stesso... al di la di ogni etichetta... al di la... al di là di ogni cosa... al di la di tutto io t'amerò e terrò sempre forte la tua mano stretta nella mia... c'è un saggio di un famoso filosofo che si intitola "al di là del bene e del male"... e c'è un bellissimo film di Antonioni "al di là delle nuvole": guardalo!!... Una mia cara amica siai cosa mi dice spesso: "Fo... tu hai l'anima di una donna. Tu ami come ama una donna"... e questo sai, mi riempie di gioia, Andrea. Perchè penso a te!!!... Una donna come te non conosce la cattiveria, non sa cagionare dolore. E in quanto ai nobili ideali... beh, questa tua lettera ne è la testimonianza, il manifesto. Andrea... ricordi: A come Andrea, come Angelo, come Affetto, come Amicizia... A come Amore... e ricordi ancora?... Il tuo nome è un cerchio: inizia e finisce con te, con A. E la A è una lettera importante, sai!!!... ed io inizio e finisco in te. Con te... Io non lo so se le stelle hanno sesso, ma so per certo che danzano. Ma sai credo di no: se le stelle son Angeli non hanno sesso!!... E una cosa so di sicuro: che Amore è tale e basta... È come gli Angeli: senza sesso. Amore conosce altro che sé stesso!!... Lascia perdere i sassofoni, Andrea. C'è moltissimo da fare, ancora...
  • Sandra Checcarelli il 15/05/2014 15:43
    Una storia davvero emozionante quanto intrigante... fantasia, verità, sogno, si mescola tutto ma forse l'amore è una grande miscela millenaria.
    Brava!
  • Chira il 14/05/2014 17:31
    Spesso qui c'è fantasia accanto a verità... ora avrei voluto che avessi inventato tutto. Ti abbraccio.
    Chiara
  • andrea piumedoca il 14/05/2014 14:05
    Chiara, fra me è la mia compagna è stata una storia vera. Lei è morta a 33 anni.
  • Anonimo il 13/05/2014 19:42
    l'amore non ha confini, questo racconto arriva al cuore bellissimo ben scritto: Un amore grande che va oltre la morte un abbraccio andrea
  • Chira il 13/05/2014 19:32
    Se fosse vero? Sarebbe una bella storia d'amore, semplicemente, con gioie e dolori. Un bellissimo pezzo, scritto molto bene ed accattivante.
  • loretta margherita citarei il 13/05/2014 19:28
    apprezzato molto complimenti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0