username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

La formica dormigliona

C'era una volta una formica dormigliona, che non aveva voglia di aiutare i suoi familiari a preparare la scorta per l'inverno; non solo, la cosa più grave infatti è che non aveva neanche voglia di andare a scuola perché non voleva separarsi dal suo migliore e unico amico: il letto.
I suoi genitori erano molto disperati, avevano cercato di fare qualsiasi cosa ma la formica non si dava per vinta.
Infatti i genitori di questa formica l'avevano chiamato Dormiglio.
Dormiglio amava molto il suo nome, infatti era l'unica parola che aveva imparato a scrivere.
Un giorno Dormiglio venne rapito ma non si seppe da chi. I genitori avevano cercato ovunque ma non lo trovarono mai più.
Infatti adottarono un'altra formica che era molto più laboriosa.
I genitori non erano molto contenti perché sentivano la mancanza di Dormiglio.
Ma dopo tanto tempo scoprirono che il figlio adottato era Dormiglio.
Tutto questo successe grazie al rapinatore che era suo fratello, Rocco. Infatti Dormiglio non aveva mai avuto l'occasione di conoscere Rocco perché dormiva nel letto sotto al suo.

 

0
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • Marcello Piquè il 22/09/2013 18:33
    bellina. io ho scritto "la formica in menopausa" ma te con la dormigliona mi hai superato.
  • Catalina Tassara il 20/07/2007 10:02
    LO SAI CHE HO VOTATO 10!
    MA COMUNQUE è MOLTO BELLA LA STORIA E DORMIGLIO è UN NOME DAVVERO MOLTO STRANO E DIVERTENTE!
  • Riccardo Re il 22/04/2007 01:58
    Voto 6 perchè c'è l'idea ed è inquietante, ma è sgrammaticata e mancano dei passaggi.
  • Giuseppina Liguori il 18/04/2007 23:11
    breve favola, la formica è un po' come i ragazzi di oggi che non hanno voglia di far niente. Complimenti sembra quasi una favola dedicata ai cartoni animati
  • Nella Bernardi il 14/04/2007 23:13
    è scritta molto bene ed è anche molto bella, però non saprei forse è una fiaba adatta agli adulti (?), comunque interesante, ciao Nella
  • Sole Luna il 11/04/2007 15:18
    essere perfettamente uguali questo è il problema, non aver la propria identità... fino quando un giorno ti ribelli e vuoi uscire dall'anonimato... ed imparano a non giudicare, ma ad apprezzare quello che siamo... (commento complicato?)
  • rossella bisceglia il 11/04/2007 14:01
    inquietante no, ma...
  • Egon il 10/04/2007 22:24
    scrivi in un modo veramente inquietante che non riesco a capire chiaramente

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0