username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Roberto

A Goa, regione ex colonia portoghese, mi pare sia sul tropico del cancro, dell'India, ho soggiornato, ormai più di quaranta anni fa e per pochi mesi, senza nemmeno le tasche per contenere una sola rupia. Ma un ragazzo italiano, lì per schivare il servizio militare e poi tornato in Italia per seri problemi famigliari, mi lasciò la casa che aveva affittato per alcuni mesi. Era una villa di fattura portoghese, grande e col giardino contornato da un muretto bianco e basso, che non nascondeva l'oceano che gli stava davanti. Io la aprii a tutti gli scoppiati di Anjuna che poterono dormirci la notte. Occasionalmente recuperavo, insieme ad alcuni di loro, gente in coma sulla spiaggia, e la sdraiavo nella casa sperando che non morisse. In quegli anni, ad Anjuna (nome della spiaggia lì fuori) la corrente elettrica era un mito che in molti ancora non avevano visto e il tempo si muoveva come se avesse deciso che non l'avrebbero conosciuto mai. Tra gli scoppiati che ospitavo ce n'era uno, di nome Roberto, morfinomane. A quel tempo in India l'eroina non c'era ed era la morfina la droga ricercata da un certo numero di europei che stavano lì perché era venduta in farmacia a un dollaro al grammo. Roberto aveva dei princìpi, cosa singolare per un morfinomane. Se gli chiedevano la "rebonza", come la chiamava lui, e gliela chiedevano perché altrimenti stavano inscimmiati nella più crudele delle sofferenze, lui gliela regalava. Dopo due settimane Roberto urlava, di giorno e di notte, negli spasmi che si era guadagnato con la sua generosità. Ad Anjuna non era possibile comprarsi in farmacia la morfina, occorreva farlo a Benares o a New Delhi, troppo lontane da lì per chi di soldi non ne aveva.
L'ho incontrato due anni dopo, nel quartiere di Brera, a Milano, tanto stravolto da non riconoscermi, ma il ricordo che ho di Roberto non è quello che mi ha lasciato quell'ultima volta.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • massimo vaj il 15/06/2014 19:29
    Non cliccare quel link, la storia è tra quelle messe su questo sito e ha per titolo: "Io di fronte a me".
  • massimo vaj il 15/06/2014 19:25
    Non ho l'abitudine di raccontare il mio passato di fricchettone perennemente in viaggio, ma alcune storie le ho fissate su carta, e una di queste è su questo sito: http://www. poesieracconti. it/racconti/opera-14364
  • massimo vaj il 15/06/2014 19:22
    Ciao Marilena, non è un racconto inventato, è cronaca di un mio vissuto, tanto lontano nel tempo, quanto presente nei miei ricordi più cari
  • marilena il 15/06/2014 19:07
    sa un po' di Hemingway questo racconto, lo trovo desolatamente bello!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0