PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Love on Facebook (seconda parte)

Lei è sposata da tre anni e da qualche mese ha anche un amante, a cui tiene moltissimo. Ve l'ho detto, è molto disinibita la ragazza. Vuole bene al marito, ma quando incontra un uomo che le piace non resiste e si lascia andare...
Io sono single invece, divorziato da dieci anni, e abito da solo in un appartamento piccolo ma accogliente in zona Porta Romana.
Quindi Valeria viene a casa mia, tre giorni dopo, e la cosa succede: lei gode, "viene" con scioltezza ed è soddisfatta.
Ma subito dopo è imbarazzatissima. Come me d'altra parte. Aver fatto una cosa del genere da semisconosciuti è "pesante", e dopo averla fatta non sappiamo bene come comportarci. Per cui ci salutiamo con delle frasi gentili e formali e lei se ne va quasi di corsa.
Ci troviamo in chat solo tre giorni dopo, perché nei giorni immediatamente successivi non ce la siamo proprio sentita... Risentirsi dopo una cosa del genere è complicato e poi non sappiamo bene come andare oltre ora: rifarlo subito?... rifarlo tra un po'?... non rifarlo più?... Lei è sposata, io ho ventidue anni più di lei, e infognarsi in una relazione così strana comporta qualche rischio, per tutti e due.
Così ci ritroviamo in chat solo quattro giorni dopo, appunto, ed entrambi, ovviamente, facciamo finta di niente. Parliamo d'altro per mezzora, finché, all'improvviso, lei tronca il discorso e scrive:
"Senti, quand'è che posso tornare da te?"
" Oddio... che libidine! - penso - Le è proprio piaciuto allora, di brutto! "
E spinto da questo pensiero entusiasta, scrivo:
"Eh... quando vuoi, dai..".
"Domani sono in zona tua, nel tardo pomeriggio... Sei a casa?"
"Si, si dovrei senz'altro esserci..."
"Ok, allora passo, se c'è qualche problema, mandami un messaggio... Un abbraccio, ora devo proprio andare..."
Tronca di colpo la chat e mi lascia lì, un po' teso ed emozionato, in attesa della "prossima volta". Questa "prossima volta" ovviamente sarà molto più interessante della prima.

E questo pomeriggio l'aspetto dunque, sta tornando... Vuole che la faccia ancora godere...
Io lo so, le è proprio piaciuto: questo "venire" asettico, senza che lei abbia fatto niente su di me; il puro godere; con un quasi sconosciuto, che ancora non l'ha mai neanche abbracciata per un saluto affettuoso da amico...
E arriva...
È "tirata", è carinissima... Ha una camicia lucida grigio-chiara aderente e con i primi tre bottoni slacciati. Ha una gonna marrone chiaro appena sopra il ginocchio e ha delle scarpe marroni con tacco medio, su cui cammina con disinvoltura. Sopra a tutto, uno spolverino anch'esso sul marrone, lungo appena sotto il ginocchio... Ha un trucco leggero e i capelli appena lavati e pettinati in modo semplice e sbarazzino... Vederla così, in tiro, mi fa eccitare tantissimo, e lei, sono sicuro, si è tirata così proprio perché io "la lavori" meglio, dopo essermi eccitato guardandola...

1234

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Reds il 23/06/2014 10:04
    Paola, se non ti piaceva, perché hai continuato a leggere?
  • Anonimo il 15/06/2014 09:33
    Molti si iscrivono su Fb per tacchinare (si usa ancora questa parola?)
    Per curiosità ho letto tutto, ma non mi è piaciuto.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0