PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Ciò che non conoscono

La lite virtuale mi piace, perché i mille miliardi di cellule del mio organismo fanno la Ola quando incrociano la penna con altri mille miliardi di cellule, intenzionate a mortificarne l'organigramma che ne struttura la gerarchia intellettuale. Sono tutti convinti che siano i neuroni a occupare i posti di comando di chi si è caricato sulle spalle il peso di dover comunicare al mondo la misura del volume della propria stazza intellettiva, invece, almeno nel mio corpo, il cervello è solo uno strumento tra i tanti, e l'approssimazione del meccanismo sinaptico, quello adibito alla trasmissione degli stimoli nervosi, il laboratorio chimico dove le droghe catecolaminiche sono sintetizzate, è un ostacolo che solo l'audacia di chi non teme l'estasi consente di superare. È il Direttore di questo laboratorio al comando della struttura che dirige la baracca. Lui è di una natura indeterminata, che chiamerei psichica, serva del Misterioso Capo spirituale che nessuno conosce. Il Direttore al servizio del Mistero senza nome, impiegato al primo livello di manifestazione, è capace di darsi forme diverse in dipendenza delle droghe che assume: quando si stona di adrenalina è focoso e intrepido, con la dopamina poi si acquieta diventando spavaldo, riflessivo con l'ergotamina alla fine diviene meditativo con le endorfine che, tutto sommato, sono quelle che preferisce. Il suo è un atteggiamento sinaptico indispensabile al corretto funzionamento dell'organizzazione vitale che tiene in piedi l'essere che sono, tra i pochi a non essere illuso di costituire una totalità che è indipendente dal resto dell'universo. Quando scrivo è lui che suggerisce, e innesca le emozioni che il grado d'intelligenza in cui si trova lo scritto stimola. Ora sta assumendo, in non modica quantità, un mix di sostanze neurotrasmettitrici che si annullano l'una con l'altra, ed è apparentemente lucido, ma gli passerà presto, perché quando la mia mente affronta le altre menti di questo sito il Direttore si deprime, sconsolato dal dover constatare che gli altri direttori sono al comando di individui che ignorano di essere strumenti del desiderio di perfezione del Mistero, soldatini di piombo che pregano, coltivando la speranza di potersi liberare, un auspicabile giorno, dal peso dato dalla libertà di essere mossi da ciò che non conoscono.

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0