accedi   |   crea nuovo account

Tecnologia

Serpeggiavano per le strade, anime putrefatte avvolte in corpi sontuosi. Sul loro volto c'erano proiezioni di luci fredde che filtravano attraverso portali tecnologici, occhi rapiti da schermi, cervelli risucchiati da macchine infernali, piazze invisibili predisposte all'ostentazione dell'IO. Corpi addestrati ad automatismi, dita rapide come scintille battevano contro superfici luminose. E mentre l'umanità veniva imprigionata dall'etere, e spedita negli inferi, Tartaro si accingeva ad una danza celebrativa in attesa delle anime morte.

 

1
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Emiliano Francesconi il 25/07/2014 10:08
    Complimenti una tecnologia che oggi esaspera l'umanita' quadi inseruta chirurgicamente nei nostri cervelli h24!!! Uno syrumento infernale!!!!! Un saluto

2 commenti:

  • Chira il 25/07/2014 08:25
    Perfetta! La sensazione che spesso provo, spaurita, viaggiando sui mezzi pubblici della mia città.
    Chiara
  • denise il 25/07/2014 06:54
    dove ci porterà tutto questo?

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0