PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Dormo. Sono sveglia

Guardando fuori dalla finestra nulla è cambiato. Il vento soffia sulle strade, il freddo fa stringere nei cappotti e nelle sciarpe i passanti, che ignari si incamminano di fronte ai vetri chiusi del mio binocolo sul mondo. Le tende sono tirate, come un sipario su uno scenario imperdibile, e in effetti lo è. Improvvisamente è come se mi annullassi, diventassi invisibile e potessi fiancheggiare in una passeggiata leggera chiunque mi passi a pochi metri sotto al balcone; come se potessi far parte delle loro vite, giusto per quell'attimo. In quell'attimo dimenticherei tutte le preoccupazioni, che mi affliggono, perchè in quel momento io non sono più io. Io sono aria, accanto a loro, che sorride e vola leggera.
Nulla è apparentemente cambiato. Ma tu sei lontano, perciò tutto è diverso. Ricordo quando sei partito. Ricordo che non pensavo mi saresti mancato così tanto e ricordo anche che la tua espressione era di amarezza celata, forse mal celata. "Ci si vede" dicesti, pur consapevole che quelle parole erano una bugia, anzi tante piccole bugie, che si tenevano salde l'una all'altra per non crollare come un castello di sabbia, smosso da scossoni improvvisi e fugaci : i miei occhi.
Tornare a dormire mi sembra la scelta migliore, visto il tempo nuvoloso e piovoso di fuori e la mia voglia inesistente di vedere o sentire qualcuno, chiunque. Forse avrei la forza di sentire te, ma molto probabilmente saresti tu a non voler sentire me; avrai persone più importanti da contattare e con cui tenere una conversazione, che sia di qualsiasi tipo, piuttosto che ascoltare le sciocchezze di un'amica pazza e un po' nostalgica. Perchè è questo che sono per te, un'amica. Sì, decisamente il letto è una buona soluzione per non pensare.
Cuscino. Rumori in strada. Frescura. Tutto appannato. Buio. Dormo. In fondo, è stato facile.
"Ehi..." una voce che mi giunge da un luogo lontano, quasi una sfumatura azzurrognola in un mare grigio. Non voglio svegliarmi, e poi chi mi dice che non faccia parte del sogno? Ma io sto sognando?...
"Ehi..." sempre più lontana, sempre più sfumata, più nulla.
Dormo.

Il sole mi colpisce gli occhi di sguincio. Le tende sono sempre tirate e adesso fuori i raggi danzano nella frescura di febbraio, divertendosi a lacerare il mio sonno soporifero di pensieri. Ora il bianco della stanza è ancora più bianco di prima e la piccola cucina subito adiacente è più linda e fastidiosamente statica. L'aria è tersa e io devo aprire gli occhi, è il momento, il mondo me lo sta gridando "svegliati!". Ma prima degli occhi, è il mio olfatto che si ridesta dal letargo : odore di caffè. Com'è possibile? ... I miei desideri hanno preso forma e i miei sensi mi stanno ingannando. Non c'è altra spiegazione.
"Lo so che sei sveglia, non mi inganni. Ho preparato il caffè."
Stavolta non era una sfumatura, stavolta la voce era chiara, nitida e veniva dalle mie spalle, solo che non poteva essere. Dovevo stare impazzendo. Quella voce doveva trovarsi a miglia e miglia di distanza dal mio appartamento. Spalancai gli occhi e mi voltai di scatto. La perfezione dell'immagine mi colpì come un pugno allo stomaco : i nuovi raggi del sole che lo colpivano sui capelli di un biondo scuro e semplice, formando un'aureola dorata su ogni centimetro del suo viso e gli occhi di ghiaccio innevato, tuttavia caldi e calmi fissi nei miei. Aveva una tazzina in mano e l'aroma era inconfondibilmente caffè. Una camicia bianca e Jeans scoloriti, strappati, che gli cingevano le gambe accavallate su una sedia, l'unica. sembrava l'avessero dipinto così.

123

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Ellebi il 29/07/2014 00:13
    Un breve racconto a lieto fine non guasta in questa ormai silenziosa notte d'estate. L'ho apprezzato, complimenti e saluti.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0