username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Cucinato a dovere

Era già la quarta teglia di meringhe che sfornavo ed anche queste si erano afflosciate; forza inforniamone un'altra. Controllo la temperatura del forno 85°C, perfetta. Aspetto con impazienza 12 minuti; niente, male anche queste. Prendo l'ultima teglia che avevo preparato e sto per infornarla ma. . . mi sveglio. Un incubo, meno male. Anche se sono sudato fradicio e ansimante sono contento. Per farmi un po' di compagnia, accendo la radio. Trasmissione di Radio Montecarlo dedicata al mitico Herbert Pagani; stanno trasmettendo "Albergo a ore" e quel motivo, lo so, mi rimarrà in testa tutto il giorno. Mi alzo canticchiandolo e continuo così fino alla fermata dell'autobus. " . . . vanno su e giù coppie sempre uguali - non le vedo più neanche con gli occhiali. . . . " Ho alzato gli occhi e l'ho vista subito tra tutti gli altri passeggeri. Spiccava come una cotoletta d'agnello su un letto di rucola. Il colorito era quello di una mela della val di Non e immaginavo la carnagione tenera come una fetta di arista appena sfornata. I capelli poi, i capelli; una cascata di tagliolini all'uovo appena fuori cottura. Fortunatamente non c'erano tante persone e mi sono seduto di fronte a lei che mi ha sorriso. Dalle labbra, rosse come "sammarzani" maturi, facevano capolino i denti; mandorle appena sgusciate. Quella bocca doveva avere la fragranza di un mazzetto di prezzemolo appena colto e mi aveva sorriso. Voglio dirle qualcosa ma non devo essere banale. Normalmente il tempo è un buon incipit; vai!
< Che cambiamento! Ieri eravamo in un frigo e stamani sembra di essere in uno scaldavivande. >
< Vero, non ci sono più le mezze stagioni. >
Questa risposta mi ha un po' spiazzato. E poi quella voce; niente a che vedere con tutto il resto; come una pesca marcia in una cesta di frutti perfetti.
< Non si sa mai che cosa cucinare in questi frangenti. > Ma cosa dico? Dovevo parlare dell'abbigliamento!
< Io sono vegetariana bio e per me poco cambia. >
Mamma mia, non solo vegetariana, vegetariana bio; il peggio del peggio. Possibile che una così bella sia vegetariana? Forse anche questo è un luogo comune. Comunque le gambe non sono certamente fatte a sedano e poi la voce, la voce diciamo che sia l'aggiunta di un po' di Cumino in una pietanza tradizionale. Da principio sembra stridere ma poi, se non si hanno pregiudizi, poi piace.
< Ci sono vari tipi di vegetariani, te a quale gruppo appartieni? > Ormai abbiamo preso questa strada e, come si dice, tutte le strade portano a Roma. Non si esce dai luoghi comuni!
< Mangio i pesci con le lische e i formaggi, ma non le uova. >
< E i dolci? >
< Quelli purtroppo si. Vedi come sono. > Dice facendo scorrere le mani giù sui fianchi modellati come un prosciutto di Langhirano e poi su, su quel ventre piatto, tipo vassoio di portata, fino a sfiorare i meloncini.
< Non mi sembra che tu debba lamentarti, ti trovo in forma perfetta, come un Parmigiano Reggiano. > Che cazzo dico?
< Sei simpatico, e usi paragoni davvero, come dire, bizzarri. >
Bizzarri, però ! Che aggettivo bizzarro.
< Se ti sono simpatico perché non ci vediamo davanti ad una insalatona? >
< Perché no, magari. >
< Come ti chiami?>
< Lascia perdere come mi chiamo. Diciamo che tutti mi chiamano Wanda, con la doppia v di wafer, questo è il mio numero; rispondo in tre squilli! >
Mi passa un bigliettino tutto rosa.
La chiamano Wanda? Quella voce? Risponde in tre squilli?
< Ciao, devo scendere, ti chiamo. > Ti chiamo? Nemmeno morto. Altro che le meringhe di stamani, ora sono più sgonfio di un pallone bucato! " . . . sono rimasto li come un cretino. . . "

 

1
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Anonimo il 08/08/2014 09:59
    Originale. Dimostri anche una notevole cultura gastronomica. Peccato tu non abbia usato il peperoncino al punto giusto, a quest'ora lei sarebbe con te!
  • eleonora il 08/08/2014 08:47
    Bella coinvolgente e divertente, poi tutte quelle similitudini coi cibi sono originali e carine!
    -Spiccava come una cotoletta d'agnello su un letto di rucola.-
    Immagine divertente legata al tipo di contesto.. Mi ha colpita subito! Forse perchè non sono vegetariana..
  • Chira il 08/08/2014 08:04
    Quando si va oltre la bellezza... Originalissimo narrare, gradevolissimo, unico con quei riferimenti culinari e mangerecci... Chi ricorda più Herbert Pagani? Ti ricordi anche di "cin cin con gli occhiali"? Ciao.
    Chiara