PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

I Tagliatori

"L'avventura che sarebbe durata 53 anni o forse anche di più sarà raccontata da me grazie a una carta volata nel tempo che mi permette di conoscere la storia di coloro capaci di saltare..."

L'avventura che sarebbe durata 53 anni o forse anche di più vi sarà raccontata da me attraverso un foglio contenente una storia ricca di mistero e di paura.
Tutto iniziò nel 1999 quando in Scozia nacque Jonathan Long, egli faceva parte della stirpe dei Tagliatori, un'antica stirpe basata sui principi del combattimento, egli fu abbandonato a soli quattro anni dalla sua nascita da sua madre, una donna che aveva attraversato l'inferno per suo figlio, che lo lasciò ad un vecchio esperto, in campo di combattimento. Il vecchio aveva un nipote, che fu riconosciuto, da quel momento, fratello di Nathan.
I due ragazzi furono allenati sulla concentrazione, sulla velocità e furono istruiti come veri Tagliatori fino a che non diventarono Tagliatori completi.
Quando compirono diciotto anni dovettero partire facendosi una promessa, che un giorno si sarebbero rincontrati e, così fu.
Quando tornò Nathan disse a suo fratello, dopo essersi salutati "Cosa ci fai qui?" a quel punto il fratello rispose "Potrei farti la stessa domanda, lo sai Jonathan?" "Sì" In un istante il fratello sfoderò la spada e disse "Combatti Jonathan, o forse preferisci Nathan?" e lui rispose
"Ma di che diavolo stai parlando?"
"Lo sai benissimo di che sto parlando"
"No, non lo so"
"Ok, ora ti rinfresco la memoria, ti dice qualcosa vecchio, maestro e morte"
"Che cosa stai cercando di dirmi?"
"Che il nostro maestro è morto e che tu sei stato ad ucciderlo"
In quel momento sferrò la spada contro Nathan che la schivò e disse "Se vuoi un incontro va bene, andremo alla stazione abbandonata"
Il tragitto fu breve; quando arrivati alla stazione e saliti fino in cima Nathan esclamò "Con o senza armi fratellino?"
"Con armi, Jonathan"
Sfilarono le spade e iniziarono a battersi spiccando salti e facendo capriole, nessuno dei due colpiva l'altro. Entrambi puntavano tutto sull'agilità, quando un colpo ben assestato squarciò il braccio di Jonathan e il fratello disse "Ti ho colpito finalmente, è ora che tu muoia, Addio!" In quel momento Jonathan salta all'indietro tenendosi in equilibrio per non cadere, tutto a un tratto inizia a piovere, entrambi su una stazione a forma di torre sotto una pioggia di tuoni e di lampi. Il pavimento completamente in ferro incominciò ad essere scivoloso e bagnato rendendo tutto più difficile quando Jonathan disse, prendendo rincorsa "Tu vuoi battermi? E sia! Ahhh" A quel punto iniziò a correre a una velocità notevole facendo fare una mezza luna alla spada. Squarciò la faccia del fratello che sbatté la testa a terra, che senza preoccuparsi della ferita cercò di prendere la spada ma fu sopraffatto dal dolore. Jonathan scappò, forse aveva ricordato che erano fratelli. Presto si trovò in una foresta che lo avrebbe portato a essere un Tagliatore. Incominciò a cacciare vivendo per mesi così, poi un giorno incontrò una ragazza che si era persa, per questo motivo egli promise alla ragazza che l'avrebbe riportata a casa; scoprì solo dopo che era una ragazza andata lì per osservare animali e per arrivare dall'altra parte a

123456789101112131415

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti: