PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La Duchessa del Break the ice e il suo prescelto (il Break the ice)

Nell'ambizioso piano originale di Rosalba doveva sorgere sul lungolago di Lecco, giusto per avere uno "sbocco lacustre". Ma fin da subito l'impresa si era rivelata troppo ardua.
Così si era dovuta accontentare di piazzarlo "solo" in pieno centro, non molto distante dalla stazione dei treni di Lecco- cosa importantssima per lei- che quando non possedeva tutti questi mezzi, ovvero non c'era nessuno che la scorrazzava in giro, si faceva tante volte Monza-Lecco in treno.


Sta albeggiando un nuovo giorno di questo pazzo, instabile, aprile, che rimbalza sul finestrino della Smart color malva, fino a andare a colpire, sotto forma di riverbero, gli occhi di Rosalba.


C'è il silenzio caldo e pastoso del mattino neonato e finalmente Tony tace. Non fa commenti su quello che è successo solo qualche ora prima. Sa che è successo qualcosa di "sacro"- di sacro per lo meno per la sua padrona, e lo rispetta.

Lo sapeva che si poteva fidare di lui, anche se era siciliano, perché il suo pregiudizio verso i "terroni" era, in fin dei conti, solo una grande recita di facciata. Anche perché lei, in fondo, ha sangue meridionale che le scorre nelle vene, se solo riuscisse a ricordare dove partano le radici e dove i rami di una parentela tutta da (ri)costruire.


Il Break the ice è la sua creatura, le è costata tutto: sangue, sudore, mestruo... e tutti quanti a continuare a dire che era una pazza, che un locale per gay nel lecchese sarebbe fallito il giorno dopo della sua apertura, perché non ci sarebbe stata la massa critica... e invece la massa critica c'è stata eccome, lei col suo locale è riuscita a accalappiare piccioni LGBT: del lago, Valtellina e Valchiavenna, della bergamasca, della brianza ( lecchese, comasca, monzese e varesina!) con una sola fava!

E adesso a aprile è già pronta per una nuova inaugurazione. Certo perché il Break è stato chiuso, ufficialmente, per un po', per dei lavori di ristrutturazione. Del resto alla fine era proprio riuscita a ottenere i permessi per fare all'interno del locale delle darkroom speciali - speciali nel senso che grazie alle sue conoscenze per accedere a esse, non bisogna essere tesserati dell'arcicazz...

Vero è che i preparativi per questa nuova inaugurazione non finiscono mai. Dettagli su dettagli a cui pensare. Certo una donna di mondo e di classe come lei potrebbe semplicemente delegare, ma è più forte di lei, l'avere il difetto di essere una perfezionista professionale. Lei deve metterci le mani in tutto ciò che fa, ma innanzittutto la faccia.

12

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • gianni castagneri il 03/09/2014 13:57
    grande!!!!! hai qualcosa anche dell'umorismo inglese!
  • eurofederico il 03/09/2014 11:45
    fortissimo!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0