PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

L'amico migliore

Luigi guardava dal finestrino del treno di ritorno dalla casa dove era stato invitato dall'amico Dario. Era contento d'aver accettato; aveva trascorso un giorno diverso, un giorno bello.
Mi piacerebbe dirgli quello che penso di lui ma è così difficile esprimere i propri sentimenti, specie quando si tratta di un amico. Sappiamo che basta uno sguardo, un cenno, per intendersi ed è forse per questo che le parole sono superflue. Tuttavia stasera ho voglia di dire le cose che penso. Ti ho lasciato insieme con tua moglie ed i tuoi figli ed io mi sento solo".
"Scrivo, ho bisogno di esprimere in qualche modo quello che ho dentro:
"Sarò breve perché le cose grandi della vita non sono facilmente esprimibili e non richiedono molte parole.
Ciò che rende cara la tua presenza nella mia esistenza è proprio ciò che sei: persona bella, semplice, intelligente, prudente, fida, seria, umile ed alle stesso tempo capace di affermare la propria volontà, a volte con una fermezza che intimidisce.
Non ho voluto fare l'elenco di elogi a mo' di sviolinata, ma soltanto dire di te ciò che conosco.
Ti ho visto in tutte le situazioni ed ho osservato il tuo comportamento sempre: di uomo, di padre, di figlio, di amico.
Io ti ho voluto bene quasi subito, fin dal primo giorno che ti conobbi ed era il giorno delle tue nozze. Da allora, attraversando il tempo ed elevando lo sguardo su ogni occasione che ci è stato dato di vivere insieme, non ho mai ravvisato artificiosità o doppiezze.
Ho sempre gradito la tua discrezione e, sebbene tu mi abbia raccontato tante cose, da come le dicevi, io capivo che il tuo non era mai uno sfogo, né tanto meno un pettegolezzo. Comunicavi a me la tua vita, i tuoi pensieri ed io li accoglievo dentro di me come fiori da mantenere freschi il più a lungo possibile nel vaso della memoria.
Era il tuo sincero desiderio di riporre in luogo sicuro brani della tua vita, con quella confidente fiducia di chi è certo che non sarà tradito.
Laborioso, premuroso, pieno di abnegazione ed io stasera sono contento di poterti esprimere la mia sincera e profonda amicizia, con un grazie grande per quanto sei stato per me in tutti questi anni.
Ti stupirai ma te lo voglio dire: nessuno, dico nessuno, mi ha dato più di te.

 

1
3 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 16/09/2014 16:57
    Spero che i personaggi siano eterosessuali, se non lo fossero sarebbe un inno all'amore e non all'amicizia!
  • Rocco Michele LETTINI il 16/09/2014 09:06
    Un esaltar l'amico... con parole di sincerità. Encomiabile racconto.

3 commenti:

  • Anonimo il 16/09/2014 17:20
    Sono in totale sintonia con te.
  • Verbena il 16/09/2014 17:10
    Sono eterosessuali. Prova a riflettere in questo modo: se all'amore uomo/donna, togli tutta la passione e i motivi d'attrazione reciproci, il puro sentimento d'amicizia, fraternità, genitorialità totalmente gratuiti e altro, non si differenzia dall'amore uomo/donna. Fermo restando l'aspetto specifico, unico, ineguagliabile dell'amore coniugale.
  • Verbena il 16/09/2014 10:39
    Grazie Rocco, è alrettanto bello essere capiti, anche attraverso un racconto.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0