PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Giancarlo, il biondo

Le due porte erano lontane, la più vicina una quarantina di metri, l'altra anche di più, dipendeva da dove si giocava.
Non era sugli spalti, certo, ma non si poteva dire che fosse trai pali in campo, per quei quattro anni di riposo seduto sulla panchina, il buon Giancarlo.

Poteva sperare solo in qualche evento imprevisto, perché il portiere titolare non mancava mai una partita. Gli concedevano qualche minuto nelle amichevoli estive e qualche partita di fine annata per la coppa, ma quando era in campo, c'erano solo le riserve, che giocavano comunque più di lui.

Sono i casi della vita. Non era in sofferenza, ma certo giocare in campionato con quelli veri non gli sarebbe dispiaciuto. Vendeva anche giubbotti e stava preparandosi un'attività normale, per il dopo calcio, anche se era ancora giovane. Chi non è campione ha il tempo e il dovere di pensarci.

Sapeva già, quel pomeriggio, che quello sarebbe stato il suo ultimo anno in squadra e non si aspettava che all'ultima partita succedesse l'imprevedibile.

Quella domenica di maggio, nel caldo pomeriggio, la partita in programma si dipanava lenta, come sanno esserlo le partite di fine stagione: il campionato perso e il risultato acquisito di 2-0 nei confronti degli avversari, impegnati a non retrocedere cercando la matematica certezza senza dipendere dai risultati sugli altri campi.

Al ventesimo minuto della ripresa, l'allenatore gli dice di spogliarsi, sarebbe entrato prendendo il posto del titolare.
Un fremito nello stadio: il Gianca, gioca!

Una breve corsetta del portierone verso la linea del centrocampo, per lasciare posto e guanti al Gianca che corricchia verso gli agognati pali.
Un saluto ai tifosi con la mano, e un sorriso a trentasei denti, "bello come la mattina il sole", col ciuffo biondo che sussulta nei saltelli della corsa e il cuore che gli batte forte addosso "come una donna che si va a sposare".

Poco dopo il suo ingresso, ecco arrivare il terzo gol: il risultato sembra al sicuro e il pomeriggio tranquillo.
Qualcosa comincia, però, a non andare, l'aria di disarmo coinvolge un po' tutti. La difesa dei grandi campioni si deconcentra e tac, arriva il gol del riccioluto Gil, mannaggia!
Là dietro non si riprende la concentrazione, e poi il divino flipper è così. Allora ecco anche il secondo gol di Gil.
Ora anche lui ha perso la sicurezza, le gambe sono molli dalla paura, le mani, dentro i guanti del portierone, cominciano a tremare.
Alla fine eccolo, il temuto terzo gol degli ospiti, segnato da Beppinello, un giocatore minuscolo che lo supera con un pallonettaccio che gli permette di andare anche a riprendere la palla e accompagnarla oltre la linea fatale.

Termina così la partita e il suo supplizio; la solita invasione festosa dei tifosi di casa, la contentezza degli ospiti per la salvezza acquisita e lui, il solo sconfitto dei venticinque entrati in campo quel pomeriggio di maggio.

Continuò la sua carriera nelle serie minori, e facendo da secondo nella massima serie.

Il 12 era un numero che gli donava.

 

l'autore Glauco Ballantini ha riportato queste note sull'opera

Il virgolettato é un testo tratto da "Alessandro e il mare" di Vecchioni


0
2 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 30/09/2014 06:26
    Mi hai ribaltato indietro di almeno cinquant'anni... ero anch'io un patito del calcio giocato... ne ho parecchi di racconti che potrebbero andare a braccetto con questo tuo... stesso clima, stessa nostalgia che traspare dal tuo bel scrivere... ciaociao, resistiamo, Glauco... verranno tempi migliori per PR, almeno spero.
  • oissela il 29/09/2014 11:19
    L'incontro profumava di pareggite. Una bella pagina, convincente e ben scritta. Quarantasette anni fa, rischiai la ghirba per aver segnato all'ottantasettesimo. Mi salvai, poiché al novantesimo
    realizzai l'autogol. Ciao. Oissela

2 commenti:

  • Glauco Ballantini il 29/09/2014 18:30
    Il protagonista era Giancarlo Alessandrelli il secondo di Zoff dal 1975 al 1979
  • Ellebi il 29/09/2014 12:54
    Direi proprio, perfetto questo breve racconto. Non è così semplice raccontare la sfortuna, che esiste, e che se raccontata, riesce perfino a rendere piatta e insignificante la migliore prosa, ma non è questo il caso, infatti la composizione attenta e equilibrata rende il protagonista umanamente quasi simpatico e la sua vicenda un po' triste. Un saluto

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0