accedi   |   crea nuovo account

Chiocciole e Cavalleria

La "pausa pranzo" deve essere sia pausa, che pranzo, e capita che un giorno le suggestioni ti portino il sapore del passato.

Il locale, sempre il solito, ma appena seduto, sentivo arrivare le note conosciute della Cavalleria Rusticana, un'opera che amo particolarmente per tanti motivi.
Già quello mostrava la particolarità del pranzo, non è solito ascoltare un'opera per intero.
A dire la verità era già a metà ma l'atmosfera, per la conoscenza del libretto, si è fatta subito di immersione totale.

"Che c'è da mangiare?"
"Le solite cose, anzi una cosa diversa c'è, le chiocciole in umido!"
"Va bene, vada per le chiocciole, che con la Cavalleria vanno a Nozze, e vino rosso: "

"Viva il vino spumeggiante..." che tra poco arriverà dalle casse.

Si parte, però dal "Voi lo sapete o mamma.."
E Lucia, impaziente, ascolta il racconto di Santuzza.

Nel frattempo arrivano, in anticipo sulla pietanza, il vino rosso e il pane per cominciare a prepararsi l'appetito per "les Escargot", mangiate, l'ultima volta, a Parigi.
Erano sei di numero, ma in compenso piazzate in piatti fatti apposta e incavati per accoglierle.
Escargot à la Bourguignonne da estrarre con lo strumento adatto, una forchettina ideata per la bisogna.
Oggi non mi aspetto tanto, infatti sono in umido e con un paio di stuzzicadenti per farle uscire dal loro guscio.

Il dialogo tra Santuzza e Turiddu corre veloce e comprensibile solo per chi conosca le parole, come spesso nella lirica. È difficile capire come si possa gustare solo una cosa alla volta.
I due sensi si alternano ma non si mescolano, la musica commuove e il gusto avviluppa.
Non riesco a seguire le due cose, però entrano, nel frattempo altre sensazioni che si uniscono.

"Cavalleria" era l'opera preferita da mio nonno, che spesso cantava, è grazie a questo che conosco tutte le parole del libretto e che mi permettono ora di seguirla anche con il volume basso ed il canto che non scandisce bene le parole.
D'altra parte mi ricordo come le chiocciole le cucinava mia nonna.
Andavamo a farle, insieme al radicchio, nella collinetta antistante la casa di Antignano, quando ancora non c'era nulla di costruito, ed il campo era ad accesso libero ricoperto di erba e sterpaglia.

12

l'autore Glauco Ballantini ha riportato queste note sull'opera

Dedicata a nonno Bruno e nonna Albertina


0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Glauco Ballantini il 03/10/2014 08:48
    Casualmente quando l'ho pubblicata era anche la festa dei nonni, è stato un caso... fortunato.
  • Anonimo il 02/10/2014 18:38
    Bel pezzo... una pausa pranzo sui generis... diversa dal solito tran tran... ciaociao.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0