accedi   |   crea nuovo account

Così maschio

E chi l'avrebbe mai detto famiglia, neh?! Che anch'io così tanto timido e disadattato, sarei riuscito a trovare la mia indipendenza, e, devo dire, che non è neanche poi così male. Ho un tetto sulla mia testa. Un buco tutto mio, per il quale pago anche l'affitto. Pago anche le bollette se per questo! E tutto quello che indosso, compro, faccio, me lo speso da me. Come una qualsiasi ragazza normale.
Ma io non sono una ragazza qualsiasi, normale. Perché io intanto per cominciare non lo sono nemmeno una ragazza. E per il resto l'avrete già capito, anche se lo fossi, non sarei di certo né normale né tanto meno una qualsiasi.
E nemmeno il lavoro che faccio è un lavoro qualsiasi. Ad esempio purtroppo o per fortuna io le tasse non le pago.
Io sono questo, nient'altro che questo, ovvero: esattamente quello che vedi e come lo vedi.


Gli do un'occhiata sommaria a questo qua. Non può avere più di venticinque anni. Non che mi importi qualcosa. Mi sta bene qualsiasi età arrivata a questo punto. Anzi i vecchi mi piacciono di più per queste cose. Basta poco o niente per accontentarli. E se sei in grado di ascoltarli come si deve, e far sentir loro a proprio agio, sanno essere molto generosi.
È strano! Sembra un torello, ma nello stesso tempo anche uno piuttosto timido, uno di quelli che sembrano troppo compressi per farceli stare dentro tutti.
Ha la testa rasata di fresco, come piace a me, e due occhi da pazzo sul verde. Sento che questo qua anche se gioca a fare l'imbranato, potrebbe uccidermi, sessualmente intendo.
Finisco con l'armeggiare con i fornelli, perché questo genere di cose mi fanno venire fame. Un piatto di pasta e via! Certo avrei più voglia di lasagne, ma quelle sono impegnative da fare, e beh ora non mi sembra il caso.


Ora lui fissa sfacciatamente il mio corpo fasciato in un abito rosso molto corto e aderente. Dicono che ho un fisico molto femminile, vitino da vespa, fianchi larghi, e gambe ben tornite. Decisamente sono meglio che da maschio.
Si avvicina a me come esitante. Ma l'esitazione dura solo pochi attimi. Mi si getta addosso baciandomi il collo avidamente, baci di desiderio.
Succede che, come da tempo non mi accadeva più, mi eccita, e ho una tremenda paura che le mie speciali mutandine vadano rotte.
La mia grande paura è che la mia erezione, come nelle peggiore "commediacce comiche", vada a sbattere violentemente e in modo imbarazzante contro il mio strettissimo vestitino.
Sento che mi sto lasciando andare, che mi sto emozionando. E ciò non solo è davvero poco professionale, ma è per me ingestibile.

"Non voglio!" Farfuglio scostandolo da me.

1234

0
2 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • silvia leuzzi il 07/10/2014 16:49
    Caro Fri' lo rivedrei, fossi in te, ci devi lavorare di più prima di esporli al pubblico ludibrio. L'idea forse non è originalissima, perché su questo tema si è parlato molto, ma è comunque divertente e affatto volgare. Riguardalo, questo sì, che è carino. Ti abbraccio forte Silvia
  • Anonimo il 07/10/2014 16:26
    Avere in testa il chiodo fisso del sesso produce questo risultato assai mediocre, per essere buoni... va bene, possiamo scusare la scarsa propensione alla narrazione dovuta al fatto che con questi brani si pensa di stupire il lettore... beh, io no, non mi stupisco e lo reputo un lavoro poco lodabile. ma ognuno ha i propri gusti... e perché mai dovrei aver ragione io?... ad altri piacerà molto, ed è giusto sia così. C'è un detto Elbano, che per altro io detesto perché assai volgare, il quale però ha un fondo di grande verità e così recita: C'è un cazzo per ogni culo... come a dire che uno potrebbe scrivere anche cose orripilanti ma ci sarà sempre qualcuno che le apprezza. Io no, non apprezzo e lo dico, senza polemica. Tant'è che non leggo nemmeno l'eventuale risposta, come in altre cicostanze... ma il diritto di dire la mia ce l'ho e la dico... eheheheh... holahola.

2 commenti:

  • eurofederico il 07/10/2014 19:02
    a me invece e' piaciuto!
  • Anonimo il 07/10/2014 16:33
    Oddio, mi sono dimenticato di dire che comunque questo pseudo racconto non è scadente a livelli dell'ultimo, Odore di rinascita tra l'asfalto... certo, superare quello credo sia difficile... holahola.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0