username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

La Cambiale nr 3

Per chi si innamora e lo sapete anche voi, un bacetto, che è piccola cosa, può essere la fine del mondo. Lei se n'era andata al paesello, ma sulla guancia e in tutto me restava il sapore di quella insolita carezza, schioccata dalle sue labbra. Nell'attesa del suo ritorno, cominciai ad elaborare progetti e costruire castelli. Trovare un lavoro, in vista del futuro, s'imponeva. Con uno stipendio assicurato, potevo fare lo sbrafante e non stare a contare sempre gli spiccioli. Avrei potuto condurla in una pizzeria ed offrirle una margherita intera. Avrei sopportato il suonatore di mandolino e avrei detto di sì alla fioraia che offre, per cinque euro, il solito mazzolino di rose rosse. Quanti pensieri nella testolina, ma, della bella, nessuna novella. Lavorare? Sì. Ai bravi Capitolini piace la carne e la "Charollaise" li accontentava e accontenta tutt'ora. Indovinate chi era il garzone che, con quarti di bue sulla spalla, faceva la spola tra le macellerie? Ogni sera doccia e al mattino profumavo di pulito. Sui media, cominciò ad impazzare Mucca Pazza ed io fui sì bello che licenziato. Sulla guancia restava il ricordo del piccolo bacio, ragion per cui andai al "Santo Spirito" a chiedere un impiego. Niente da fare... non assumevano i non raccomandati. Mala Tempora per i troppo buoni e così mi ritrovai catapultato nelle varie manifestazioni di protesta che animavano una Roma sonnolente e piena di porti di nebbie. Adamo affidava una lacrima al vento e Robertino s'era innamorato con un bacio piccolissimo. Forse la bella non pensava più a me... e invece? Invece, non solo pensava ancora a me, ma ritornò dal paesello e subito venne a vedermi. La sera in pizzeria ed invece della margherita, ordinò una bella capricciosa. Va da sé la sviolinata e da sé vanno le rose rosse. Passò anche la zingara che, per cinque euro, ci predisse un meraviglioso futuro. Ora, più che mai, s'imponeva un buon impiego. Brigida, per chi non ricordasse era il nome della mia bella, disse solamente -Prova al "Santo Spirito." Monsignore, che il Signore lo abbia in gloria, sorrise e m'invitò a prendere servizio il giorno successivo. Non lo so e non ho voluto mai sapere se Brigida ci avesse messo lo zampino. Ovviamente finii allo sportello riscossioni cambiali e quella signora che recide le rose è la madre dei miei pargoli.
La pagina è una creazione letteraria -Oissela/ Pocechini.

 

1
8 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 11/10/2014 13:48
    Mi sembra di correre su una moto nel leggere questa pagina che riassume momenti di precarietà, di ansia e di speranza. Vi noto quella ironia che accompagnava chi era "sfasulatu" ( come si dice dalle mie parti), perchè doveva fare i conti non solo con l'oste ma con la sua bella e le sue tasche...
    Tua moglie è Costanza Pocechini? Scusami l'indiscrezione, ma lo chiedo perchè la stimo come autrice di testi di grande valore poetico.
    È un racconto che fa cambiare l'aria stantia del sito.
  • Anonimo il 11/10/2014 12:27
    Sempre meglio... bel narrare, bella fantasia condita di sagacia e spirito, non quello Santo... ce ne sono altre puntate di questa cambiale?... ciaociao.

8 commenti:

  • oissela il 12/10/2014 15:50
    Grazie per la lettura e per il commento del brano,
    Un saluto.
    Oissela
  • oissela il 12/10/2014 15:48
    Grazie per la lettura e per il commento, Loretta.
    Un saluto
    Oissela
  • AlfaCentauri il 11/10/2014 20:20
    quando hai scritto questo tratto: "Sulla guancia restava il ricordo del piccolo bacio, ragion per cui andai al "Santo Spirito"... " pensavo intendessi il reparto psichiatrico del santo spirito!
    Piaciuto, questo spaccato di vita.
  • AlfaCentauri il 11/10/2014 18:30
    oissela
    nn ti sbrodolare a fare saluti troppo gentili, ad un uomo!
    TRA L'ALTRO MOLTO CAFONE!
  • loretta margherita citarei il 11/10/2014 17:53
    bel racconto, coinvolgente
  • Anonimo il 11/10/2014 17:06
    Molte grazie, Alessio. È una conferma ben gradita.
    Buona serata.
    Finuccia
  • oissela il 11/10/2014 14:23
    Per Finuccia.- Enchanté de faire votre connaissance. Costanza è una mia grande amica e lo è anche di mia moglie. Abbiamo scritto assieme, decine di racconti e ancora ne stiamo scrivendo. È una brava e sensibile autrice di poesie e ama anche cimentarsi in prosa.
    Grazie per il passaggio e per il commento. Un saluto. Alessio
  • oissela il 11/10/2014 14:14
    Per Giacomo- Di cambiali, penso di no, ma Mina è imprevedibile.
    Questa cambiale doveva essere una tantum, poi ci abbiamo preso gusto e abbiamo allungato il brodo. Finalmente sono riuscito a ristabilire la connessione con questo sito. Ciao.
    Alessio.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0