accedi   |   crea nuovo account

L'adolescenza

In questo tempo i corsi scolastici stanno cambiando ma, finora con la conclusione della scuola elementare e l'inizio della scuola media, i bambini passano dall'infanzia all'adolescenza, il primo grande passo consapevole verso la vita, coincidente con la trasformazione biologica del loro corpo.

Per certi aspetti, sentendosi proiettato nell'ambiente nuovo dove tutti i ragazzi sono più grandi di lui, fa l'esperienza di una euforia mista ad inquietudine.

La prima sensazione sarà d'accorgersi molto presto di essere ancora piccolo; incominciano le incertezze, le sconfitte e molta confusione all'interno del suo animo poiché scopre di dover cambiare i suoi punti d'appoggio che andrà a trovare fuori dalla famiglia e si sentirà costretto a crescere nella responsabilità: primo fra tutti quella relativa allo studio che sarà tutta affidata alla sua capacità di diligenza e d'impegno.

Non meno importante sarà il rapporto che si instaurerà con i compagni, con i quali si misurerà sia per le sue capacità di allievo che per quella di amico. Farà l'esperienza della solidarietà, della cattiveria; riceverà dispetti e ne farà a sua volta, incomincerà a sentire da vicino l'eco della vita che si sviluppa e che gli rivelerà tutte le trasformazioni fisiologiche che ancora non sa e che i genitori ancora non gli hanno detto.

Mentre il suo corpo cambia e cresce, cambiano e crescono anche i suoi pensieri ma il trattamento dei grandi di casa soffre invece un'inerzia, un ritardo impercettibile però sufficiente ad orientare la sua fiducia altrove.

Capisce che da lui ora ci si aspetta qualcosa di nuovo: una autonomia, una capacità di gestirsi da solo, dei risultati! Lo si controlla di meno ma lo si corregge di più perché il ragazzino porta a casa ciò che impara nell'ambiente esterno e che di solito non coincide con quanto papà e mamma pensano. E le diversità appaiono sempre come qualcosa da cui doversi difendere ancor prima che qualcosa da imparare.

Il salto generazionale solitamente è così alto e portatore di tali cambiamenti, che i genitori se ne lasciano cogliere sempre impreparati, del tutto incapaci ad assimilarsi alle nuove idee, alle nuove proposte che velocissime premono da ogni dove sulla loro mentalità.

Quando il ragazzo se ne avvede, prova una sorta di superiorità e si pone su quel piedistallo composto di novità che egli conosce e che i genitori invece ancora ignorano.

1234567

1
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 14/10/2014 19:35
    Amorosamente vera... come il tuo reale componimento... che si fa istruzione per noi tutti. FELICE SERATA VER...

1 commenti:

  • Verbena il 14/10/2014 20:11
    Rocco sei tanto caro e ti ringrazio di cuore.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0