PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Prenatalità - Infanzia

"Gen. 1-27: Dio creò l'uomo a sua immagine..."

Ciò ci informa che la nostra persona proviene dall'Eternità e che è opera della Onniscienza di Dio che ci ha voluti ottenere per mezzo della riproduzione umana, nelle sue infinite possibili combinazioni genetiche di ogni uomo con donna, viventi sulla Terra.

Nella procreazione quindi è presente l'Infinità di Dio ed anche la sua Eternità dalla quale tutti noi proveniamo.

Il microscopico ganglio che ciascuno di noi è all'atto della fecondazione, la Chiesa lo chiama "Persona", con tutte le relative implicazioni spirituali, materiali ed etiche che tale definizione comporta.

Sin dal concepimento l'embrione è persona, sebbene oggigiorno lo si possa ottenere per mezzo della manipolazione genetica che ha preso le distanze dall'atto procreativo dell'uomo con donna attuando la fecondazione al di fuori del loro atto unitivo.

La scienza ci dichiara invece che l'ovulo fecondato, ossia l'embrione, non è persona e che ne è quindi consentito l'uso, l'utilizzo ai fini di un più progredito benessere umano, potendo trarre dagli stessi, opportunamente sviluppati in laboratorio, le cellule staminali per la formazione di quei tessuti organici, atti ai trapianti.

Ciò comporta e determina una indiscriminata manipolazione degli embrioni, sia per l'ottenimento degli stessi che per la loro conservazione o distruzione a breve o lunga scadenza.

La Chiesa attribuisce all'embrione una identità, una dignità pari a quella dell'uomo nato; gli conferisce l'uguale valore, ogni diritto, primo fra tutti quello di poter nascere, poiché in esso sono presenti tutti quei presupposti fisici e morali virtualmente capaci di intendere e di volere.

Per la Scienza, o meglio, per alcuni scienziati, quando l'embrione è prodotto attraverso la manipolazione genetica e risulta prodotto in misura eccedente, anche la sua distruzione è consentita.

Il presupposto della Chiesa sancisce la presenza di un soggetto che già vive, in fase embrionale dell'amore di Dio, che possiede in sé la vita, quella vita umana che è emanazione dell'Amore di Dio e che quindi non può essere "utilizzato" come oggetto e la sua eventuale distruzione si chiama "omicidio".

Sia nel caso detto nella Bibbia e cioè che la vita è il soffio di Dio Creatore, come pure il concetto che l'uomo sia esito di una evoluzione resasi possibile nelle idonee circostanze storiche ed ambientali, l'Autore della vita rimane comunque Iddio che è l'Essere Perfettissimo, al di sopra dell'Universo e di tutta la storia. Egli è il Creatore delle condizioni che hanno reso possibile la nascita delle creature.

1234567891011121314

0
4 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 20/10/2014 05:55
    Un saggio alla Ver... meraviglioso... istruttivo... Serena settimana.

4 commenti:

  • Verbena il 21/10/2014 01:38
    Ringrazio vivamente Annimo. Io sto pubblico man mano capitoli del mio libro "Pensieri da un'esperienzaa" già edito e che comprende le varie fasi della vita: Prenatalità/nascita - Adolescenza - Maturità - Anzianità. Alcuni di questi argomenti sono già pubblicati nella mia pagine, qualche settimana più indietro. Grazie per il commento che mi dà conforto e piacere. Ciao
  • Ellebi il 21/10/2014 01:07
    Commento anonimo di Ellebi.
  • Anonimo il 21/10/2014 01:04
    Lungo ma istruttivo, scritto in modo evidente per insegnare, pedagogico, viene da pensare che chi scrive sia insegnante di professione, bello, convincente, cristiano, ortodossamente cattolico, ma non privo di una rispettosissima polemica nei confronti della Chiesa, o forse di una richiesta ad essa di una più approfondita riflessione sui temi della sessualità responsabile, un saggio notevole dunque, tuttavia che sembra inconcluso, poichè non si può accennare soltanto in un rigo introducendo il grave problema dell'abuso sui minori da parte di un genitore, senza dare opportune spiegazioni, che certo l'autrice dimostra di poter dare, i puntini forse indicano che il presente saggio avrà un seguito, ed è auspicabile per quanti hanno letto il presente. Complimenti vivissimi intanto, e un saluto.
  • Verbena il 20/10/2014 08:46
    Ciao Rocco, grazie per le tue assidue letture, mi sono di grande conforto.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0